Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
9 Luglio 2019

AFRICA/EGITTO – (9 Luglio 2019)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

AFRICA/EGITTO – L’Arcivescovo copto Angaelos: i martiri non sono “vittime” ma “testimoni”

martedì, 9 luglio 2019 medio oriente   chiese orientali   martiri   persecuzioni   media  

Londra (Agenzia Fides) – I martiri cristiani uccisi in odium fidei non sono “vittime” ma “testimoni”, e i media devono mostrare cura e senso di responsabilità quando raccontano le loro vicende, evitando di utilizzare toni sensazionalisti e accenti vittimisti solo per raccogliere qualche consenso e magari qualche sottoscrizione in più. Sono questi i criteri chiave recentemente richiamati da Anba Angaelos, Arcivescovo copto ortodosso di Londra, come contributo di chiarezza offerto soprattutto a quanti sono impegnati in iniziative di informazione e sensibilizzazione a vantaggio delle comunità cristiane sottoposte nel mondo a prepotenze, violenze e persecuzioni.
L’Arcivescovo ha inserito tali eloquenti considerazioni nell’intervento tenuto giovedì 4 luglio a Londra, nella San Margaret church, presso l’Abbazia di Westminster, in occasione della conferenza annuale di Embrace the Middle East, organizzazione cristiana impegnata a sostenere progetti e iniziative a favore di persone e comunità vulnerabili in Medio Oriente. “Quando vogliamo sostenerli” ha detto tra l’altro l’Arcivescovo copto “dobbiamo guardare loro, le loro sofferenze, e non noi stessi. Non dobbiamo trattare con senso di superiorità le comunità locali, non dobbiamo esportare le nostre opinioni su ciò che loro ‘devono’ essere, ma piuttosto rendere onore a ciò che loro sono davvero. Occorre ascoltarli. Etichettare i martiri come vittime offende ciò che loro realmente sono: perché loro non si vedono come vittime, ma come testimoni. Possiamo riconoscere, certo, la loro vulnerabilità. Ma la vulnerabilità è cosa diversa dal vittimismo”.
Anba Angaelos ha richiamato soprattutto gli operatori della comunicazione a trattare in maniera rispettosa e consona i martiri e le vicende di persecuzione: “siamo tutti alimentati dai media” ha rimarcato l’Arcivescovo copto “ed è importante che i media si mostrino responsabili nel modo di parlare di persecuzione, perché a volte usare un titolo a effetto solo per avere qualche sottoscrizione in più può mettere a rischio delle vite”. (GV) (Agenzia Fides 9/7/2019)

Il testo originale e completo si trova su:

http://www.fides.org/it/news/66337-AFRICA_EGITTO_L_Arcivescovo_copto_Angaelos_i_martiri_non_sono_vittime_ma_testimoni