Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
15 Ottobre 2020

AFRICA/MALI – (15 Ottobre 2020)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

AFRICA/MALI – “Suor Gloria Cecilia è viva ma ha bisogno di cure. Occorre far di tutto per liberarla” afferma l’ex ostaggio francese che ha trascorso la prigionia con lei

giovedì, 15 ottobre 2020 rapimenti   missionari  

Bamako (Agenzia Fides) – È viva ma ha bisogno di cure suor Gloria Cecilia Narváez, la missionaria colombiana rapita in Mali il 7 febbraio 2017. Lo ha rivelato Sophie Petronin, l’ostaggio francese liberata assieme ad altri ostaggi occidentali, tra cui p. Pierluigi Maccalli, l’8 ottobre.
La signora Petronin appena tornata in Francia ha rivolto un appello al Presidente francese Emmanuel Macron perché intervenga per facilitare la liberazione di Suor Cecilia. “Il suo spirito sta cedendo, ha detto al Presidente Macron- Dobbiamo fare di tutto per tirarla fuori da lì”.
L’ex ostaggio francese ha affermato di aver trascorso la maggior parte della sua prigionia con la religiosa colombiana. Le due donne sono state insieme per tutto il tempo fino al 5 ottobre, quando la Petronin è stato trasferita per il successivo rilascio avvenuto il giorno 8.
L’operatrice umanitaria francese ha detto che, insieme a Suor Gloria Cecilia, sono passate attraverso circa 30 campi diversi e hanno condiviso tutto, coperte, cibo, acqua. Petronin assicura che nessun tipo di violenza è stata mai esercitata su di loro, tranne una volta, quando suor Gloria Cecilia Narváez si è persa durante una passeggiata ed è stata poi legata per tre giorni.
Sua Eminenza il Cardinale Jean Zerbo, Arcivescovo di Bamako, ha chiesto la liberazione di tutti gli ostaggi ancora in mano a gruppi jihadisti: “Ogni volta che preghiamo, chiediamo al Signore la liberazione di suor Gloria e di tutti gli altri ostaggi. Questa è una grande umiliazione per il Mali. Sono venuti per fare del bene e sono stati rapiti dai banditi, come se fossero schiavi. È un peccato per il nostro Paese”.
Suor Gloria Cecilia Narváez della Congregazione delle Suore Francescane di Maria Immacolata, è stata sequestrata a Karangasso nel sud del Mali 7 febbraio 2017 da jihadisti legati ad Al Qaida nel Sahel (vedi Fides 8/2/2017).
Nel frattempo si rinfiammano le violenze. Sono 25 le persone, inclusi 13 soldati, uccise in diversi attacchi nel Mali centrale. L’episodio più grave risale al 6 ottobre quando un gruppo jihadista ha assalito una base dell’esercito a Sokoura, vicino il confine con il Burkina Faso, e teso una imboscata alle truppe inviate come rinforzi. (L.M.) (Agenzia Fides 15/10/2020)

Il testo originale e completo si trova su:

http://fides.org/it/news/68836-AFRICA_MALI_Suor_Gloria_Cecilia_e_viva_ma_ha_bisogno_di_cure_Occorre_far_di_tutto_per_liberarla_afferma_l_ex_ostaggio_francese_che_ha_trascorso_la_prigionia_con_lei