Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
22 Settembre 2015

AFRICA/EGITTO – ( 22 Settembre 2015 )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

AFRICA/EGITTO – Una Fatwa per ammettere i copti nelle liste elettorali salafite

Il Cairo (Agenzia Fides) – Ai dirigenti del Partito salafita al-Nour è servito il ricorso a una vecchia Fatwa, emessa dallo Sheikh albanese Mohammed Nasreddin al Albani, per giustificare agli occhi dei dirigenti e dei militanti più rigidi, la cooptazione di candidati copti nelle liste elettorali della formazione politica islamista, in vista delle prossime elezioni politiche. Secondo fonti copte consultate dall’Agenzia Fides, la Fatwa pronunciata dallo studioso di Legge coranica scomparso nel 1999 – e oggi ripresa come punto di riferimento dai leader di al-Nour – giustifica la presenza di battezzati nelle liste di matrice islamista con l’argomento che i cristiani sono considerati meno pericolosi degli atei per l’islam, e rappresentano quindi una sorta di “male minore”.
Intanto, discussioni sull’opportunità di candidare cristiani nelle liste islamiste continuano anche in seno alla comunità copta. Nei giorni scorsi (vedi Fides 11/9/2015), Nader El-Serafy, candidato cristiano nelle liste di al-Nour, in risposta alle polemiche di chi critica la sua scelta, aveva sottolineato che la Chiesa copta non ha mai condannato la scelta dei cristiani che decidono di militare nei Partiti di ispirazione islamista. A suo giudizio, la presenza di battezzati nelle liste di al-Nour rappresenta “un modello ottimale di esercizio della cittadinanza”, e mostra che le persone di diversa fede religiosa possono coesistere nella stessa formazione politica perseguendo programmi che guardano all’interesse nazionale più che rivendicazioni particolari. (GV) (Agenzia Fides 22/9/2015).

Il testo originale e completo si trova su:

http://www.fides.org/it/news/58431-AFRICA_EGITTO_Una_Fatwa_per_ammettere_i_copti_nelle_liste_elettorali_salafite