Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
4 Dicembre 2014

AFRICA/EGITTO – ( 4 Dicembre )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

AFRICA/EGITTO – Per il Vescovo copto cattolico Antonios Mina il convegno di al-Azhar contro il terrorismo islamista è “un fatto epocale”

Il Cairo (Agenzia Fides) – “La conferenza organizzata dall’Università di al-Azhar per condannare il terrorismo e l’estremismo di matrice islamista è un fatto di grande portata storica. E non so se in Occidente qualcuno se ne è accorto”. Così Anba Antonios Aziz Mina, Vescovo copto cattolico di Guizeh, descrive all’Agenzia Fides l’importanza del convegno internazionale organizzato presso l’Università cairota – considerata il più importante centro teologico dell’islam sunnita – per riflettere sulla controversa questione del rapporto tra mondo islamico e estremismo a tinte islamiste. Al convegno, che si conclude oggi, hanno preso parte 700 studiosi e rappresentanti di istituzioni politiche, sociali e religiose – compresi alcuni leader di comunità cristiane d’Oriente – provenienti da 120 Paesi (vedi Fides 3/12/2014).
“E’ la prima volta – sottolinea Anba Antonios – che un’istituzione islamica così influente dice chiaramente che le teorie usate dai terroristi e dagli estremisti per giustificare le loro azioni violente con il Corano rappresentano una perversione dell’autentico Islam. Finora le istituzioni e le accademie islamiche erano state quasi sempre molto timide nel condannare tali derive. Le condanne arrivavano solo davanti a fatti terroristici eclatanti, e venivano di solito riferite al singolo atto violento. Adesso, viene presa di mira tutta l’ideologia malata che sta dietro le strategie dell’estremismo di marca islamista. E’ un passo importante, e speriamo che produca frutti concreti”.
Il Vescovo copto cattolico di Guizeh riferisce a Fides la grande risonanza che ha avuto tra i convegnisti l’intervento di Paul Youssef Matar, Arcivescovo di Beirut del Maroniti: “L’Arcivescovo Matar – racconta Anba Antonios – ha parlato a braccio, concentrandosi su pochi concetti di importanza vitale. Ha chiesto a tutti i musulmani di avere oggi nei confronti dei cristiani almeno il rispetto manifestato nei loro confronti dallo stesso profeta Mohammad. Ha ricordato che per ogni sincero musulmano i cristiani, insieme agli ebrei, sono ‘gente del Libro’, e non possono essere considerati come membri di una minoranza da sottomettere o da maltrattare, e tantomeno come dei nemici. Inoltre ha invitato tutti i musulmani a unirsi, e a dare insieme il loro contributo indispensabile alla coesistenza pacifica”. (GV) (Agenzia Fides 4/12/2014).

Il testo originale e completo si trova su:

http://www.fides.org/it/news/56565-AFRICA_EGITTO_Per_il_Vescovo_copto_cattolico_Antonios_Mina_il_convegno_di_al_Azhar_contro_il_terrorismo_islamista_e_un_fatto_epocale#.VIGEdGea9go