Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
11 Settembre 2014

AFRICA/LIBIA – ( 11 Settembre )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

AFRICA/LIBIA – Etnie e petrolio nella guerra civile libica

Tripoli (Agenzia Fides) – Lo scontro tra le milizie islamiste e quelle cosiddette “nazionaliste” in Libia sta prendendo una piega etnica con l’intervento dei guerriglieri delle tribù Tubu di Kufra, nel sud della Cirenaica, a fianco della coalizione di “Operation Dignity”, guidata dal generale Khakifa Haftar, per liberare la capitale della regione, Bengasi, da Ansar Al-Sharia e da altre formazioni islamiste.
Secondo il quotidiano “The Libyan Herald”, i Tubu, un’etnia discriminata sotto il regime di Gheddafi, controllano il 65% della produzione petrolifera del Paese. Anche i Tuareg, un’altra etnia presente nel sud libico, controllano alcuni importanti giacimenti petroliferi, quelli di Murzuq e Ghadames. Una delegazione di “Libya Dawn Operation”, la coalizione islamista che ha preso il controllo di Tripoli, si è recata a Obari, per negoziare l’allineamento dei Tuareg con le autorità da loro stabilite nella capitale libica. I Tuareg hanno però ribadito la loro neutralità nello scontro in atto nel Paese.
Sulla stampa di alcuni Paesi nord-africani si teme infine che i gruppi islamisti che controllano Bengasi possano proclamare un Califfato a similitudine da quanto fatto nel nord dell’Iraq e nel nord della Nigeria. (L.M.) (Agenzia Fides 11/9/2014)

 

Il testo completo si trova su:

http://www.fides.org/it/news/55911-AFRICA_LIBIA_Etnie_e_petrolio_nella_guerra_civile_libica