Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
18 Maggio 2020

ASIA/BANGLADESH – (18 Maggio 2020)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

ASIA/BANGLADESH – Il Covid-19 tra i rifugiati Rohingya: “Urgono misure di prevenzione e sensibilizzazione”

lunedì, 18 maggio 2020 rohingya   rifugiati   coronavirus   ong   caritas  

Cox’s Bazar (Agenzia Fides) – “E’ un lavoro difficile, ma ora la priorità è fermare l’infezione. In questi insediamenti, dove è quasi impossibile mantenere la distanza fisica, i rifugiati Rohingya sono ad alto rischio per la veloce diffusione del contagio da Covid-19. Urge mettere in campo tutte le misure necessarie”: lo dice all’Agenzia Fides il cattolico bangladese George Mithu Gomes, che lavora a Cox’s Bazar come “Program Manager for Disaster Response” della Ong “World Renew” . Nei campi profughi a Cox’s Bazar è scattato l’allarme dopo la conferma che due donne e tre uomini di etnia Rohingya sono infetti nel campo di Lambashia, uno dei 34 insediamenti che accolgono i profughi.
Nella località di Cox’s Bazar, poco oltre il confine tra Myanmar e Bangladesh, il governo bengalese ospita la più grande comunità di rifugiati del mondo: qui vivono 1,1 milioni di rifugiati di etnia Rohingya e di religione musulmana, fuggiti dal Myanmar. Tra questi, 700.000 sono arrivati ​​nel 2017 mentre un sanguinoso conflitto etnico ha avuto luogo in Myanmar tra l’esercito e i gruppi armati Rohingya.
George Mithu Gomes afferma a Fides: “La preoccupazione è alta. In queste precarie condizioni di vita, non è possibile controllare l’infezione e il contagio potrebbe velocemente diffondersi nei 34 campi profughi dove vivono i Rohingya. Bisogna agire prontamente per fermare l’infezione nei campi profughi. “Bisognerebbe effettuare tamponi e controlli, allestire strutture e luoghi per una quarantena. È inoltre necessario sensibilizzare la popolazione dei Rohingya, che non sono istruiti sulla malattia, bisogna insegnare loro i comportamenti necessari per prevenire e contenere la diffusione del Covid-19” prosegue.
Fides ha raccolto le parole di alcuni rifugiati Rohingya, i quali pensano che, se l’infezione di coronavirus si diffonderà nei campi, non riceveranno trattamenti necessari : “Nei campi non abbiamo ricevuto cure mediche adeguate: se il virus arriva, moriremo senza cure” afferma Mahammod Jubiar, 65enne Rohingya. Un altro rifugiato Rohingya, Iqubal Islam, ritiene urgente la sensibilizzazione tra i rifugiati: “Essendo molti analfabeti, i rifugiati non sanno come si può diffondere il virus, non sanno come possono difendersi, non hanno idea delle misure di prevenzione”. Come riferito a Fides, all’opera di prevenzione si stanno dedicando Caritas e altre Ong, che da settimane hanno attivato in campo programmi specifici per informare i rifugiati.
Abu Toha Bhuya, a capo del sevizio sanitario dell’Ufficio governativo per i soccorsi e il rimpatrio dei rifugiati, spiega: “Di notte i Rohingya spesso vanno fuori dai campi. Comprano medicinali e altri beni per le necessità quotidiane. Alcuni, poi, sono anche coinvolti nello spaccio di droga: ecco come il virus può essere arrivato qui”. Inoltre nei campi di Rohingya a Cox’s bazar, operano 30.000 lavoratori di 140 Organizzazioni Non Governative, che vanno spesso a Dhaka e in altre città. In questo modo potrebbero essere vettori del coronavirus.
In Bangladesh attualmente sono 22.268 le persone infettate da Covid-19. Tra questi 4.373 sono guarite e 328 sono morte.
(FC) (Agenzia Fides, 18/5/2020)

Il testo originale e completo si trova su:

http://www.fides.org/it/news/67944-ASIA_BANGLADESH_Il_Covid_19_tra_i_rifugiati_Rohingya_Urgono_misure_di_prevenzione_e_sensibilizzazione