Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
20 Gennaio 2021

ASIA/GIORDANIA – (20 Gennaio 2021)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

ASIA/GIORDANIA – Vaccino anti-Covid 19 per tutti i rifugiati. Il Vescovo Shomali: qui il diritto alla vita e alla salute vale per tutti

mercoledì, 20 gennaio 2021

  • Amman (Agenzia Fides) – La decisione del governo giordano di includere rifugiati delle guerre di Iraq e Siria tra i primi destinatari delle dosi di vaccino anti Covid-19 somministrate nel Paese “ha rallegrato tutti, anche i cittadini giordani, e attesta che in Giordania i profughi sono riconosciuti e trattati come persone aventi gli stessi diritti della popolazione locale”. Lo sottolinea, in una conversazione con l’Agenzia Fides, il Vescovo William Hanna Shomali, Vicario patriarcale per la Giordania del Patriarcato di Gerusalemme dei Latini. “La decisione del governo” aggiunge il Vescovo palestinese, nativo di Beit Sahour “risponde a diverse ragioni. I rifugiati sono poveri, non hanno risorse per pagarsi da soli il vaccino. La Giordania riceve aiuti internazionali, sia pur sempre insufficienti, per mantenere sul proprio territorio i campi di accoglienza, e quindi l’estensione gratuita ai profughi della somministrazione del vaccino risponde anche a elementari criteri di giustizia: la Giordania è responsabile del destino dei rifugiati, e si fa carico di tale responsabilità. Poi, ovviamente, estendere fin dall’inizio la campagna di vaccinazione ai rifugiati rappresenta una tutela per la salute anche per il resto degli abitanti della Nazione. Insomma, la scelta del governo è dovuta a diversi motivi, ma la ragione principale rimane quella umanitaria: i rifugiati presenti sul territorio nazionale sono persone, e la loro vita va tutelata come quella dei cittadini giordani”.
    La decisione del Regno Hascemita è stata apprezzata e adeguatamente messa in risalto anche dall’ UNHCR, l’agenzia ONU che gestisce le strutture di accoglienza per rifugiati in cui da anni vivono centinaia di migliaia di profughi iracheni e siriani.
    Nel piano nazionale predisposto dal Ministero della sanità di Amman è previsto che i profughi ufficialmente registrati (più di 700mila, in un Paese di 10 milioni di abitanti) possano ricevere il vaccino secondo gli stessi criteri di priorità adottati per i cittadini giordani, cioè riservando la precedenza alle categorie a rischio (anziani e persone con malattie croniche).
    La Giordania ha finora ordinato 2 milioni di dosi di vaccino: le prime arrivate sono quelle del vaccino cinese di Sinopharm, ma le autorità locali hanno già dato il via libera anche alla somministrazione del vaccino Pfizer, di cui sono state consegnate le prime dosi.
    In Giordania sono stati finora registrati oltre 316mila casi di infezioni da Covid-19, che hanno già provocato quasi 4200 decessi. Chiusi nelle tende e nei container, senza poter uscire dai Campi di accoglienza – come quello enorme di Zaatari. (vedi foto),dove si trovano più di 70mila profughi siriani -, i rifugiati sono maggiormente esposti anche alle ricadute psicologiche della pandemia, con il virus che da mesi è diventato argomento di ogni conversazione, motivo di preoccupazione che paralizza ogni minima attività sociale. Secondo i dati forniti dall’UNHCR, i casi di contagi da Covid-19 registrati tra i rifugiati siriani e iracheni ospitati in Giordania sono al momento circa 2mila. (GV) (Agenzia Fides 20/1/2021)

 

Il testo originale e completo si trova su :

http://fides.org/it/news/69438-ASIA_GIORDANIA_Vaccino_anti_Covid_19_per_tutti_i_rifugiati_Il_Vescovo_Shomali_qui_il_diritto_alla_vita_e_alla_salute_vale_per_tutti