Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
23 Novembre 2021

ASIA/IRAQ – (23 Novembre 2021)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

ASIA/IRAQ – ll Patriarca Sako: piattaforme digitali e social media usati per far male alla Chiesa

martedì, 23 novembre 2021 medio oriente   chiese orientali   media   internet  
 

Baghdad (Agenzia Fides) – Nell’era di internet, la diffusione delle reti sociali e il dilagare di blog e piattaforme digitali ha moltiplicato a dismisura la diffusione di interventi polemici e articoli che criticano in maniera spietata la Chiesa, scritti spesso da persone prive di ogni minima familiarità con la dottrina cristiana, e di ogni autentica connotazione ecclesiale, che puntano a “sostituire i fatti con le loro idee nuove e controverse”. A rinnovare l’allarme sugli effetti laceranti prodotti da questo fenomeno sulla vita ecclesiale è il Cardinale iracheno Louis Raphael Sako, Patriarca della Chiesa caldea, che in una nota diffusa dagli organi di comunicazione del Patriarcato invita tutti i battezzati a non lasciarsi travolgere dall’alluvione di manipolazioni e imposture circolanti nella rete riguardo alla natura e alla vita della Chiesa, suggerendo a tutti di separare “il grano dalla pula” e di gettare senza indugi tutte le esternazioni digitali inutili e dannose nel “contenitore dei rifiuti”.
Nel suo intervento, il Cardinale iracheno sottolinea che gran parte delle polemiche e degli attacchi circolanti in rete riguardanti le vicende della comunità caldea, provengono da persone che vivono fuori dall’Iraq, e che approfittano delle libertà di accesso alle reti per scrivere tutto ciò che passa loro per la mente, senza alcuna accuratezza, ricorrendo a toni aggressivi e sopra le righe pur di seminare confusione tra le persone che camminano con semplicità nel solco della fede degli Apostoli.
Le milizie di questo esercito di “commentatori” digitali arruolati a tempo nelle polemiche intra-ecclesiali – nota il Patriarca – “non hanno pietà di nessuno, nemmeno del Papa”, e spesso perseguono proprie agende di potere, attingendo nelle loro critiche corrosive a categorie di matrice politica e mondana che occultano l’autentica natura della Chiesa. “Ricordo, ad esempio – racconta il Patriarca Sako – che una di queste persone scrisse: ‘È tempo che una rivoluzione riformi la Chiesa caldea e rovesci la dittatura della vecchia guardia’”. Un linguaggio che trattava la Chiesa alla stregua di “un Partito politico, o una dittatura militare come quella cilena di Augusto Pinochet”.
Da tempo alcune Chiese d’Oriente – come la Chiesa copta ortodossa – esprimono interessanti valutazioni critiche rispetto a chi esalta con eccitati entusiasmi l’impatto delle reti digitali e dei nuovi strumenti di comunicazione sulle dinamiche ecclesiali. Poco più di un anno fa, in un discorso rivolto agli esponenti del Rotary Club egiziano di Alessandria-Pharos (vedi Fides 16/11/2020), il Patriarca copto ortodosso Tawadros II volle ribadire che non sono certo i social media a poter aprire agli uomini e alle donne di oggi le porte del Paradiso, aggiungendo che le reti digitali di comunicazione sono “un’arma a doppio taglio”, come un “coltello” che può essere utilizzato correttamente o in maniera errata, con un potenziale distruttivo in grado di nuocere alle singole persone e lacerare il tessuto ecclesiale, come quello sociale. (GV) (Agenzia Fides 23/11/2021)

Il testo originale e completo si trovo a su:

http://www.fides.org/it/news/71189-ASIA_IRAQ_ll_Patriarca_Sako_piattaforme_digitali_e_social_media_usati_per_far_male_alla_Chiesa