Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
27 Marzo 2018

ASIA/LIBANO – (27 Marzo 2018)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

ASIA/LIBANO – La Festa islamo-cristiana dell’Annunciazione celebrata presso il Palazzo presidenziale

martedì, 27 marzo 2018 medio oriente   chiese orientali   islam   dialogo   devozione mariana  

Syriac Orthodox Patriarchate

Beirut (Agenzia Fides) – Il Presidente libanese Michel Aoun ha aperto per la prima volta le porte del Palazzo presidenziale di Baabda alla celebrazione dell’Annunciazione, la solennità cristiana che fa memoria dell’annuncio del concepimento verginale di Gesù portato a Maria dall’arcangelo Gabriele, e che in Libano è stata proclamata fin dal 2010 festa nazionale islamo-cristiana. Lo stesso Presidente maronita, insieme alla moglie Nadia Chami Aoun, ha presieduto l’incontro solenne ospitato lunedì 26 marzo presso il Palazzo presidenziale, che ha visto la partecipazione del Patriarca siro ortodosso Mor Ignatius Aphrem II, di Vescovi di diverse Chiese e di rappresentanti sciiti, sunniti e drusi. All’incontro hanno preso parte anche mons. Ivan Santus, segretario della Nunziatura apostolica a Beirut, e membri delle organizzazioni di dialogo islamo-cristiano – a partire dal gruppo Ensemble Autour de Marie – che ogni anno, in occasione della solennità dell’Annunciazione, promuovono feste, incontri e celebrazioni in varie parti del Paese.
Durante la cerimonia – riferiscono fonti locali all’Agenzia Fides – è stato letto il racconto dell’Annuncio a Maria riportato nel Vangelo di Luca, e la Surah al Imran, che esprime la venerazione tributata a Maria nel Corano, il Testo Sacro dell’islam. Durante l’incontro ha preso la parola anche lo storico Hareth Boustany, che ha presentato la festa dell’Annunciazione come un momento di unità nazionale che riunisce intorno alla Vergine Maria le diverse comunità di credenti, in un Paese che vuole presentarsi al mondo come esempio di tolleranza e convivenza interreligiosa. I partecipanti all’incontro hanno anche recitato insieme una preghiera alla Vergine, invocando la sua protezione sul Paese e sul popolo libanese.
In Libano la solennità mariana dell’Annunciazione del Signore è stata proclamata festa nazionale dal 2010, quando il governo era guidato – come accade anche oggi – dal sunnita Saad Hariri, con l’intento dichiarato di trovare nella devozione a Maria – condivisa anche tra i musulmani – un punto di convergenza tra le diverse comunità religiose, per poter disinnescare anche in questo modo le tensioni settarie che sempre incombono sulla convivenza sociale nel Paese, e che quest’anno rischiano di riaccendersi anche in vista delle elezioni politiche, in programma il prossimo 6 maggio.
Quest’anno, per le Chiese che seguono il calendario gregoriano, il 25 marzo – data in cui tradizionalmente si celebra la Solennità dell’Annunciazione – è coinciso con la domenica delle Palme. Per questo motivo la celebrazione liturgica della solennità dell’Annunciazione per l’anno 2018 è stata spostata al prossimo 9 aprile. (GV) (Agenzia Fides 27/3/2018).

Syriac Orthodox Patriarchate
 Il testo originalee  completo si trova su:
http://www.fides.org/it/news/63964-ASIA_LIBANO_La_Festa_islamo_cristiana_dell_Annunciazione_celebrata_presso_il_Palazzo_presidenziale