Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
17 Luglio 2020

ASIA/PAKISTAN – (17 Luglio 2020)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

ASIA/PAKISTAN – La società civile al governo del Punjab: libertà religiosa nel sistema educativo

venerdì, 17 luglio 2020 istruzione   minoranze religiose   islam   società civile   ong  

Lahore (Agenzia Fides) – “Chiediamo al governo della provincia del Punjab di rivedere tutte le misure che sono chiaramente in conflitto con il diritto alla libertà di religione, garantita dalla Costituzione del Pakistan ai sensi degli articoli 20 e 25”: è quanto chiede un gruppo di organizzazioni della società civile pakistana, esprimendo serie preoccupazioni per i recenti sviluppi riguardanti il ​​sistema educativo nella provincia del Punjab.
In una dichiarazione congiunta, la “Commissione per i diritti delle minoranze dei popoli”, il “Centro per la giustizia sociale (CSJ), l’ “Associazione degli insegnanti delle minoranze del pakistan”, la Fondazione “Cecil e Iris Chaudhry”, la Commissione nazionale “Giustizia e pace” (NCJP) dei Vescovi cattolici del Pakistani e “Idara-e-Taleem-o-Aagahi” (ITA) deplorano la notifica al Governatore della provincia del Punjab che ha reso obbligatoria l’educazione coranica nelle università della provincia del Punjab (vedi Fides 19/6/2020).
Il cattolico Peter Jacob, presidente del “Center for Social Justice” (CSJ) e della “Commissione popolare per i diritti delle minoranze” (PMCR), spiega: “Secondo l’articolo 20 della Costituzione del Pakistan, ogni cittadino ha il diritto e la libertà di professare, praticare e propagare la propria religione; l’articolo 25 decreta l’uguaglianza di ogni cittadino del paese e il diritto all’istruzione, stabilendo nessuna discriminazione sulla base del genere ”.
Le organizzazioni chiedono un curriculum nazionale unico concordato dai governi federali e provinciali, “ma il governo del Punjab si è mosso per modificare l’insegnamento della religione nel sistema educativo, in totale disprezzo per la libertà religiosa e per il rispetto della diversità religiosa”.
“Da quasi quattro decenni – si rileva – tutte le scuole pubbliche e la maggior parte delle scuole e college privati ​​insegnano gli studi islamici (Islamiat) come materia obbligatoria in tutte le classi” nota Jacob, aggiungendo che “la Nazra Quran (recitazione del testo coranico in arabo) viene insegnata nell’istruzione primaria, mentre la lettura del Corano nelle classi di istruzione secondaria è stata resa obbligatoria nella Provincia dal 2018” . Peter Jacob osserva che “anche in altre materie come studi sociali, storia e lingue vi sono ampi riferimenti solo alla religione maggioritaria”, in palese violazione della Costituzione.
A.H. Nayyar, studioso e membro del gruppo di lavoro sull’educazione inclusiva, parlando con Fides, dichiara: “L’inserimento di contenuti religiosi ha ripercussioni sulla quantità e sulla qualità del percorso educativo. Un altro sviluppo inquietante è un emendamento approvato dall’Assemblea provinciale del Punjab, per cui tutti i libri di testo devono essere approvati dal Consiglio degli Ulema, piuttosto che dagli esperti in materia di istruzione”.
Baela Raza Jamil, un membro chiave del gruppo di lavoro sull’educazione inclusiva, spiega: “Queste modifiche alla legislazione, promosse senza un dibattito pubblico, sono profondamente preoccupanti e saranno socialmente divisive; esse minano la libertà di apprendimento e il pensiero critico nel sistema educativo del Pakistan”.
(AG-PA) (Agenzia Fides 17/7/2020)

Il testo originale e completo si trova su:

http://www.fides.org/it/news/68375-ASIA_PAKISTAN_La_societa_civile_al_governo_del_Punjab_liberta_religiosa_nel_sistema_educativo