Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
4 Aprile 2018

ASIA/PAKISTAN – (4 Aprile 2018)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

ASIA/PAKISTAN – Strage di cristiani innocenti: minoranze sotto attacco

mercoledì, 4 aprile 2018 terrorismo   islam politico   cristianesimo   violenza   minoranze religiose   pasqua  
PAKISTAN

AG
Il parroco bendice la salma di Pervaiz Masih

Quetta (Agenzia Fides) – “È triste constatare che, anche questa volta, la nostra gente venga attaccata e uccisa proprio in concomitanza di una nostra festa religiosa. Prima la bomba a Natale, ora una strage di innocenti a Pasqua. Sto pregando per le persone colpite e prego Dio perché possa cambiare il cuore di coloro che sono coinvolti in questi atti di terrorismo”: lo dice all’Agenzia Fides p. Wajid Michael, prete cattolico, che ha celebrato il rito funebre di Pervaiz Masih, un suo parrocchiano ucciso a Quetta, capitale della provincia del Beluchistan, lunedì 2 aprile. Quattro uomini, tutti membri della stessa famiglia cristiana, sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco davanti alla casa di Pervaiz Masih, nel quartiere di Shah Zaman, a Quetta, e una ragazza, la figlia di Pervaiz, è stata ferita. Tre di loro, parenti di Pervaiz, provenivano da un villaggio dei pressi di Lahore, in Punjab, e i loro corpi sono stati ricondotti là per il funerale e la sepoltura. Pervaiz è invece sepolto nel cimitero cristiano di Quetta.
P. Wajid Michael dichiara a Fides: “È scioccante sapere che una famiglia viene sterminata davanti al cancello della propria casa. La strage è avvenuta mentre la famiglia stava per iniziare il viaggio per andare in gita. La protezione e la sicurezza delle minoranze è diventata una questione importante per il governo del Pakistan: tutte le minoranze religiose tra cui cristiani, indù, sciiti e molte altre sette islamiche si trovano ad affrontare discriminazioni, violenze e terrorismo”, rileva il parroco.
Più di trecento fedeli hanno partecipato ieri ai funerali di Pervaiz Masih, che aveva accolto i suoi parenti da Lahore per celebrare la Pasqua nella colonia di Shah Zaman, un quartiere di Quetta a maggioranza cristiana. Uno dei vicini di casa ha riferito a Fides: “Due uomini armati in motocicletta hanno aperto il fuoco sulla famiglia seduta su un risciò. Quattro adulti, Pervaiz Masih, Tariq Masih, Imran Masih e Firdous Bibi sono morti, mentre la figlia di Pervaiz Masih è ferita ed è in cura in ospedale”
Azeem, catechista della zona, rileva: “La maggior parte delle case della strada appartiene a famiglie cristiane; si tratta di una strada chiusa. Gli aggressori hanno sparato e poi sono tornati indietro sulla stessa strada. Tutta la zona è in preda alla paura, e i membri della famiglia attaccata sono in stato di shock. Si tratta di una grave perdita per la famiglia perché Pervaiz Masih si prendeva cura e garantiva il sostentamento economico della sua famiglia. Gli altri tre erano parenti che venivano a Quetta per la prima volta “.
Secondo i resoconti circolanti, lo Stato Islamico (Isis) ha rivendicato la responsabilità dell’attacco ma non ha fornito alcuna prova a riguardo. Altri osservatori citano il gruppo terrorista Tehreek-e-Taliban Pakistan (TTP), attivo nella zona. Moazzam Jah Ansari, un funzionario della polizia ha dichiarato: “È un atto di terrorismo e sembra essere un attacco mirato”.
A dicembre 2017, la Bethel Memorial Methodist Church di Quetta è stata attaccata da due attentatori suicidi la terza domenica di Avvento, che hanno ucciso 14 persone e ferito 56. (AG) (Agenzia Fides 4/4/2018)

Il testo originale e completo si trova su:

http://www.fides.org/it/news/63980-ASIA_PAKISTAN_Strage_di_cristiani_innocenti_minoranze_sotto_attacco