Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
9 Settembre 2020

ASIA/PAKISTAN – (9 Settembre 2020)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

ASIA/PAKISTAN – Cristiano condannato a morte per “blasfemia”; i Vescovi chiedono una campagna del governo per i diritti delle minoranze

mercoledì, 9 settembre 2020 diritti umani   blasfemia   violenza   vescovi   società civile  

Lahore (Agenzia Fides) – Un tribunale di Lahore, capitale della provincia del Punjab pakistano, ha condannato a morte un cristiano per aver commesso “blasfemia”: si tratta di Asif Pervaiz, 37 anni, è in carcere dal 2013 con l’accusa di aver inviato messaggi di testo SMS “blasfemi” al datore di lavoro Muhammad Saeed Khokher. Come riferito dall’avvocato Saif-ul-Malook, il legale musulmano che ha difeso anche la cristiana Asia Bibi, il tribunale non ha dato credito alla sua testimonianza, in cui l’uomo negava ogni addebito, e lo ha condannato a morte ieri, 8 settembre. Secondo la versione di Pervaiz, riferita dall’avvocato Malook, “Khokher voleva convincerlo a convertirsi all’Islam e, quando egli non ha acconsentito, lo ha accusato falsamente di blasfemia”. Secondo Malook, “si tratta di un altro caso in cui la legge viene utilizzata ingiustamente contro le minoranze religiose”. In Pakistan la “Legge di blasfemia” (gli articoli 295 “b” e “c” del Codice penale”) prevede l’ergastolo o la pena di morte per il reato di vilipendio al Profeta Maometto, all’Islam o al Corano.
P. Qaisar Feroz OFM Cap, Segretario esecutivo della Commissione per le comunicazioni sociali dei Vescovi cattolici del Pakistan, rileva in un colloquio con l’Agenzia Fides: “La comunità cristiana del Pakistan è profondamente addolorata per la condanna a morte di Asif Pervaiz. Chiediamo vivamente al governo del Pakistan di far sì che si possa riconsiderare la decisione della Corte in modo che sia fatta giustizia. I casi di blasfemia aumentano di giorno in giorno in Pakistan, il che non è affatto un buon segno, per una società dove regna la tolleranza. Raccomandiamo vivamente al Primo Ministro Imran Khan di lanciare una campagna di sensibilizzazione in video per promuovere i diritti delle minoranze e la dignità umana”.
Raggiunto dall’Agenzia Fides, padre Mario Rodrigues, prete e parroco a Karachi, commenta: “Pur non conoscendo direttamente il caso, non crediamo alle accuse. Ci sono troppi precedenti e casi di false accuse, in cui si strumentalizza la legge. Nessun cristiano in Pakistan si sognerebbe mai di insultare l’Islam o il Profeta Maometto. Siamo un popolo di persone rispettose verso tutte le religioni, tantopiù nella condizione in cui viviamo, sapendo che quello della blasfemia è un tasto molto delicato. Siamo tristi perchè le strumentalizzazioni e gli abusi della legge continuano. E’ tempo di fare giustizia e reale uguaglianza per tutti i cittadini pakistani: anche i musulmani sono spesso vittime di false accuse”.
Vi sono attualmente almeno 80 persone in prigione in Pakistan per il reato di “blasfemia”, e almeno la metà di lro rischia l’ergastolo o la pena di morte. le persone accusate in base alle legge sono principalmente musulmani, in un paese in cui il 98% della popolazione segue l’Islam ma, come notano la gli attivisti cristiani della Commissione “Giustizia e pace” dei Vescovi cattolici pakistani, “la legge prende di mira in modo sproporzionato membri di minoranze religiose come cristiani e indù”.
Vi sono inoltre casi di esecuzioni extragiudiziali, dato che leader radicali esortano i militanti a “farsi giustizia da soli”, uccidendo persone ritenute colpevoli di blasfemia, anche se non sono condannate in tribunale o sono accusate falsamente. Secondo la Ong “Centro per la giustizia sociale”, fondata e guidata dal cattolico pakistano Peter Jacob, a partire dal dal 1990, almeno 77 persone sono state uccise in esecuzioni extragiudiziali, in relazione ad accuse di blasfemia: tra gli uccisi vi sono persone accusate di blasfemia, i loro familiari, avvocati e giudici che hanno assolto gli accusati del reato. L’ultimo clamoroso omicidio del genere è avvenuto alla fine luglio, quando un uomo pakistano, ma con cittadinanza americana, Tahir Ahmad Naseem, 57 anni, accusato di blasfemia e sotto processo a Peshawar, è stato colpito a morte con sei colpi di arma da fuoco dal 19enne musulmano Faisal, mentre si trovava dentro al palazzo del tribunale di Peshawar.
A partire dal 2017, dopo una serie di sit-in di protesta su larga scala, i partiti politici di matrice islamica hanno incluso con sempre maggiore frequenza la questione della “difesa della legge di blasfemia” nelle loro piattaforme e agende politiche. Il partito politico Tehreek-e-Labbaik Pakistan (TLP), formato dal leader Khadim Hussain Rizvi conduce una dura aperta campagna per la difesa delle legge sulla blasfemia. Attivisti, Ong, gruppi religiosi non islamici ne chiedono la revisione per evitare gli abusi della legge e l’uso improprio come “arma” per vendette private.
(PA) (Agenzia Fides 9/9/2020)

Il testo originale e completo si trova su:

http://fides.org/it/news/68599-ASIA_PAKISTAN_Cristiano_condannato_a_morte_per_blasfemia_i_Vescovi_chiedono_una_campagna_del_governo_per_i_diritti_delle_minoranze