Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
11 Gennaio 2019

ASIA/SIRIA – (11 Gennaio 2019)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

ASIA/SIRIA – Assad promette di ricostruire la chiesa-memoriale del Genocidio armeno a Deir ez-Zor

venerdì, 11 gennaio 2019 medio oriente   chiese orientali   genocidio armeno   jihadisti   geopolitica   economia  

ArmenPress

Damasco (Agenzia Fides) – Il Presidente siriano Bashar al Assad ha preso l’impegno di far ricostruire con finanziamenti statali la chiesa-santuario dei martiri armeni situata nella città siriana di Deir ez-Zor, che fu devastata dai jihadisti dello Stato Islamico (Daesh) nel settembre 2014 (vedi Fides 22/9/2014).
L’intenzione di far rinascere dalle sue macerie il sacrario dedicato alle vittime del Genocidio armeno – riferiscono fonti armene come Armenpress, e anche il canale Ishtar TV – è stata espressa dal Presidente siriano durante un suo recente incontro con una delegazione di uomini d’affari armeni in visita in Siria, guidata da George Parseghian, Presidente del Comitato di rappresentanza degli armeni siriani in Armenia.
Nel settembre 2014, come riferito allora dall’Agenzia Fides (vedi Fides 22/9/2014), i jihadisti di Daesh conquistarono circa la metà dell’area urbana di Deir ez-Zor, città siriana orientale a maggioranza curda, e qualche giorno dopo devastarono la chiesa dove erano custoditi i resti delle vittime del Genocidio armeno.
La chiesa era stata consacrata nel 1991 come memoriale del Genocidio, e comprendeva nella propria area anche un museo con i resti delle vittime dei massacri sofferti dagli armeni in territorio ottomano tra il 1915 e il 1916, che avevano registrato una particolare concentrazione proprio nell’area desertica intorno a Deir ez-Zor.
Nel governatorato di Deir ez- Zor i jihadisti di Daesh avevano ucciso nell’agosto 2014 centinaia di appartenenti a clan tribali locali, e nei mesi precedenti avevano combattuto anche contro i miliziani islamisti della concorrente fazione al-Nusra per assicurarsi il controllo dell’area, ricca di petrolio. La città fu riconquistata dall’esercito governativo siriano nel novembre 2017, ma gruppi jihadisti continuano ancora adesso a compiere attacchi mirati nelle aree circostanti.
I rapporti tra Siria e Armenia si sono intensificati dopo la nomina del nuovo ambasciatore siriano a Erevan, che ha iniziato a riallacciare contatti con la comunità di armeni siriani immigrati nel Paese caucasico anche in tempi recenti, negli anni del conflitto siriano. La delegazione di imprenditori armeni ha manifestato anche la propria disponibilità a prendere parte alla ricostruzione delle infrastutture siriane devastate dalla guerra. “L’Armenia” ha ricordato Parseghian offrendo in un’intervista il resoconto degli incontri avuti dalla delegazione armena con le autorità siriane durante la visita – è tra i Paesi che non hanno chiuso la propria ambasciata durante la guerra, hanno sempre mantenuto i legami statali e hanno inviato aiuti alla Siria”. (GV) (Agenzia Fides 11/1/2019)

Il testo originale e completo si trova su:

http://www.fides.org/it/news/65368-ASIA_SIRIA_Assad_promette_di_ricostruire_la_chiesa_memoriale_del_Genocidio_armeno_a_Deir_ez_Zor