Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
5 Febbraio 2018

ASIA/SIRIA – (5 Febbraio 2018)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

ASIA/SIRIA – Patriarca siro ortodosso celebra a Deir ez-Zor la prima liturgia eucaristica dopo cinque anni

lunedì, 5 febbraio 2018 medio oriente   chiese orientali   liturgia   aree di crisi   ecumenismo  
SIRIA
Sirian Orthodox Patriarcate

Deir ez-Zor (Agenzia Fides) – Il Patriarca di Antiochia dei siro-ortodossi, Mor Ignatius Aphrem II, ha celebrato il Santo Qurobo, la solenne liturgia eucaristica del rito siro-antiocheno, tra le rovine della chiesa dedicata alla Vergine Maria, nella città siriana di Deir ez-Zor. Alla liturgia, celebrata sabato 3 febbraio, ha partecipato anche un piccolo gruppo di membri della locale comunità cristiana, che lentamente cominciano a ritornare nella città devastata dalla tuerra, e recentemente riconquistata dall’esercito siriano.
Nell’omelia – riferiscono le fonti ufficiali del Patriarcato, consultate dall’Agenzia Fides – il Patriarca ha ringraziato il Signore per il lento ritorno alla normalità intrapreso dalla città siriana, ma ha anche espresso tristezza per la devastazione provocata dal conflitto, che ha colpito anche chiese e moschee. Il Primate ella Chiesa siro ortodossa, accolto in città dal Governatore Mohammad Ibrahim Samra, ha definito la sua visita come un segno che la Siria sta uscendo dagli anni di violenze e terrore che l’hanno devastata, confermando l’impegno della Chiesa nell’opera di ricostruzione e di soccorso per le popolazioni martoriate dal conflitto.
Durante la visita, il Patriarca Ignatius Aphrem ha anche inaugurato la clinica Sant’Efrem, il primo polo sanitario istituito su iniziativa congiunta del comitato per le iniziative assistenziali del Patriarcato e dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, dopo che la città è tornata sotto il controllo dell’esercito siriano.
Deir ez-Zor, che prima della guerra era abitata in maggioranza da curdi, è stata una delle città più contese tra milizie jihadiste e esercito governativo, durante gli anni del conflitto siriano. I gruppi jihadisti, anche in competizione tra di loro, hanno assediato e poi conquistato una parte della città fin dalla fine del 2013. Nel settembre 2014 (vedi Fides 22/9/2014) i miliziani dello Stato Islamico (Daesh) hanno distrutto la chiesa armena della città dove erano custoditi i resti delle vittime del Genocidio armeno. Il 17 gennaio 2016, i jihadisti di Daesh avevano attaccato i quartieri della città ancora controllati dall’esercito di Damasco, massacrando almeno 300 civili e deportandone altre centinaia. La riconquista completa e definitiva della città da parte dell’esercito siriano è avvenuta soltanto il 3 novembre 2017. (GV) (Agenzia Fides 5/2/2018).

Il testo originale e completo si trova su:

http://www.fides.org/it/news/63690-ASIA_SIRIA_Patriarca_siro_ortodosso_celebra_a_Deir_ez_Zor_la_prima_liturgia_eucaristica_dopo_cinque_anni