Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
22 Dicembre 2017

ASIA/TERRASANTA – (22 Dicembre 2017)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

ASIA/TERRA SANTA – L’Onu boccia gli USA su Gerusalemme capitale. P.Bouwen: comunità cristiane compatte nel no a Trump

venerdì, 22 dicembre 2017
TERRASANTA
Wikipedia

Gerusalemme (Agenzia Fides) – Il voto all’Onu sul riconoscimento di Gerusalemme come capitale di Israele “ha attestato l’isolamento degli Usa, e ovviamente viene accolto come una vittoria da tutti quelli che hanno a cuore la causa palestinese. Le Chiese e le comunità cristiane di Terra Santa probabilmente non aggiungeranno commenti al risultato della votazione, ma hanno già manifestato nei giorni scorsi in maniera unanime la loro contrarietà alle dichiarazioni della Amministrazione USA sulla Città Santa”. Lo sottolinea in una conversazione con l’Agenzia Fides p. Frans Bouwen, missionario dei Padri bianchi, che vive e lavora da 48 anni a Gerusalemme.
Con 128 voti favorevli, 35 astenuti e 9 contrari, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato giovedì 21 dicembre la mozione che condanna la decisione statunitense di trasferire la propria ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme, e di riconoscere la Città Santa come Capitale d’Israele.
Il missionario e studioso belga, membro della Commissione mista di dialogo teologico tra la Chiesa cattolica e la Chiesa ortodossa, rimarca il fatto che anche le comunità cristiane storiche legate alla Riforma, come i luterani e gli anglicani, hanno espresso la propria contrarietà alla decisione dell’Amministrazione USA su Gerusalemme. I gruppi cristiani evangelicali che fanno riferimento all’organizzazione “Christian Embassy”, da sempre schierata a favore delle scelte politiche di Israele – ricorda p. Bouwen – “rappresentano una rete internazionale, organizzano a Gerusalemme grandi pellegrinaggi in occasione della festa ebraica del Sukkot, ma non hanno molti seguaci in Terra Santa”.
Intanto, nelle ultime ore, lo Sheikh Mohammed Hussein, Gran Mufti di Gerusalemme, ha criticato l’apertura di una nuova sinagoga nei tunnel lungo il Muro del Pianto, da lui denunciata come una violazione dello Status Quo che regola la convivenza religiosa e la gestione dei Luoghi santi nella Città Vechia di Gerusalemme. (GV) (Agenzia Fides 22/12/2017).

Il testo originale e completo si trova su:

http://www.fides.org/it/news/63453-ASIA_TERRA_SANTA_L_Onu_boccia_gli_USA_su_Gerusalemme_capitale_P_Bouwen_comunita_cristiane_compatte_nel_no_a_Trump