Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
4 Marzo 2015

ASIA/GIORDANIA – ( 4 Marzo 2015 )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

ASIA/GIORDANIA – Re Abdallah II parla alla Nazione: musulmani e cristiani “fianco a fianco” contro la barbarie jihadista

Amman (Agenzia Fides) – Il Regno Hascemita di Giordania rimane forte e unito “in una regione scossa da conflitti etnici e settari e soprattutto dal terrorismo”, perchè “vivendo fianco a fianco, in fraternità e in solidarietà come una sola famiglia, musulmani e cristiani, cittadini di origini diverse, tutti siamo pronti a compiere il nostro dovere”. Così Re Abdallah II di Giordania, in un discorso alla Nazione trasmesso dalle reti televisive del Paese martedì 3 marzo, ha ribadito come dato indiscusso la propria considerazione verso i cristiani come componente costitutiva della fisionomia nazionale, impegnata a condividere con i musulmani la comune risposta davanti alla patologia jihadista. L’Islam – ha detto tra l’altro Re Abdallah – non è una fede di fazioni e partiti, né deve essere ridotto a una semplice dicotomia di estremismo contro moderazione. L’Islam è una fede di unità, giustizia e pace, e coloro che deviano, uccidono, torturano e violano tutto ciò che è sacro, sono loro i nemici dell’Islam”.
Col suo discorso alla Nazione, il monarca hascemita ha voluto rassicurare i suoi connazionali riguardo al fatto che la Giordania gode di sicurezza e stabilità. “Di volta in volta – ha detto Re Abdallah – la Giordania ha dimostrato che è più forte e più grande di quegli spiriti senza fede, che nutrono cattivi propositi verso il Paese e attendono il momento opportuno per attaccarlo e indebolirlo in ogni modo possibile. Ma ogni volta che siamo stati messi alla prova, ne siamo usciti più forti”. (GV) (Agenzia Fides 4/3/2015)

Il testo originale e completo si trova su:

http://www.fides.org/it/news/57136-ASIA_GIORDANIA_Re_Abdallah_II_parla_alla_Nazione_musulmani_e_cristiani_fianco_a_fianco_contro_la_barbarie_jihadista