Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
26 Settembre 2011

ASIA/INDONESIA – (26 Settembre)

Dopo la bomba in una chiesa, preghiera interreligiosa a Solo per dire “No” alla violenza
Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Semarang (Agenzia Fides) – C’è preoccupazione e disorientamento fra i cristiani della diocesi di Semarang (Giava centrale) dopo l’attacco kamikaze avvenuto ieri, domenica 25 settembre, in una chiesa cristiana protestante della città di Solo. Un terrorista kamikaze si è fatto esplodere all’ingresso della Tenth Bethel Gospel Church, provocando il ferimento di 22 fedeli.
Come raccontano fonti locali di Fides, Solo (detta anche Surakarta) è una cittadina con una forte e visibile presenza cristiana, con numerose comunità di diverse denominazioni protestanti e cinque chiese cattoliche. L’Arcivescovo di Semarang, Mons. Johannes Pujasumarta, al momento dell’esplosione si trovava proprio a Solo per motivi pastorali. Appresa la notizia, si recato sul posto. Ha espresso solidarietà alle vittime, ha condannato il gesto e il terrorismo che “si fa spregio della vita umana”, incoraggiando i fedeli locali a “restare saldi nella fede”. L’Arcivescovo si è poi recato nella capitale Giacarta, per una assemblea straordinaria della Conferenza Episcopale, in preparazione alla visita ad limina dei Vescovi indonesiani, in procinto di partire per Roma.
Come riferito all’Agenzia Fides, i Vescovi, all’indomani del terribile attentato, hanno voluto convocare un vertice di emergenza: un comunicato congiunto, firmato dalla “Comunione delle Chiese indonesiane”, dalla Conferenza Episcopale indonesiana e dal Movimento giovanile islamico “Anshor”, esprime forte preoccupazione per l’accaduto e lancia un appello ai fedeli perché non rispondano alle provocazioni e alla violenza, dato che “il linguaggio della violenza non risolve alcun problema”. I leader religiosi chiedono alle forze dell’ordine di agire con professionalità, ribadendo il sostegno all’ideologia del “Pancasila”, i “cinque principi” che sono alla base del pluralismo della nazione indonesiana.
Intanto il Segretario della Commissione per il Dialogo interreligioso della Conferenza Episcopale, p. Benny Susetyo, ha annunciato l’organizzazione di un momento di preghiera interreligiosa per la pace che si terrà nella città di Solo, affermando che “le religioni dovrebbero essere una fonte di ispirazione spirituale per rafforzare l’unità nazionale”. Nusron Wahid, presidente del movimento giovanile musulmano “Anshor”, ha ribadito che “urge continuare a educare i giovani agli autentici insegnamenti religiosi”, rifiutando “il terrorismo in nome della religione”. (PA) (Agenzia Fides 26/9/2011)


Il testo completo si trova su:

 
http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=37311&lan=ita