Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
10 Marzo 2015

ASIA/IRAQ – ( 10 Marzo 2015 )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

ASIA/IRAQ – Appello del Patriarca caldeo: l’offensiva contro il Califfato causa nuove emergenze umanitarie

Baghdad (Agenzia Fides) – I jihadisti del sedicente Stato Islamico stanno facendo strage di “esseri umani, monumenti, civiltà”. Ma anche l’offensiva dell’esercito iracheno e delle tribù locali islamiste contro il Califfato sta provocando, come effetto collaterale, “lo sradicamento di migliaia di famiglie che fuggono verso l’ignoto, Senza che sia stato attivato sul posto un piano organizzato di assistenza”. A puntare i riflettori sulla nuova, ignorata emergenza umanitaria che si sta aprendo nella martoriata nazione irachena è il Patriarca di Babilonia dei Caldei, Louis Raphael I, con un appello pervenuto all’Agenzia Fides. 
Il Primate della Chiesa caldea chiede al governo del Paese e alla comunità internazionale di “agire al più presto per la protezione dei civili innocenti e di offrire loro l’assistenza necessaria in alloggi, cibo e farmaci”, richiamando in particolare l’attenzione sul totale black out delll’istruzione scolastica e universitaria che sta danneggiando le giovani generazioni in buona parte del paese. L’appello si conclude con l’invito rivolto dal Patriarca alle istituzioni politiche nazionali – governo e parlamento – affinché affrontino con urgenza e attraverso la convocazione di sedute straordinarie, la nuova emergenza umanitaria. 
Le forze armate irachene stanno continuando la massiccia offensiva contro i jihadisti dello Stato Islamico (Is) per liberare la città di Tikrit, capoluogo della provincia di Salahudin. Nell’operazione sono coinvolti trentamila soldati dell’esercito insieme a migliaia di miliziani sciiti e sunniti. Secondo le agenzie internazionali, le forze di terra sono entrate nella periferia della città, che dista circa 170 chilometri a nord di Baghdad, mentre l’aviazione sta bombardando le posizioni dell’Is con ripetute incursioni aeree. Gran parte della provincia di Salahudin si trova sotto il controllo dell’Is dallo scorso giugno. (GV) (Agenzia Fides 10/03/2015).

Il testo originale e completo si trova su:

http://www.fides.org/it/news/57176-ASIA_IRAQ_Appello_del_Patriarca_caldeo_l_offensiva_contro_il_Califfato_causa_nuove_emergenze_umanitarie