Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
11 Novembre 2015

ASIA/IRAQ – ( 11 Novembre 2015 )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

ASIA/IRAQ – Grande partecipazione alla manifestazione di protesta contro la legge sull’islamizzazione dei minori

Baghdad (Agenzia Fides) – La manifestazione di protesta contro la legge sull’islamizzazione dei minori, svoltasi ieri, martedì 10 novembre, a Baghdad, presso la chiesa caldea di San Giorgio, ha visto la partecipazione massiccia di cristiani e di membri di altre comunità religiose irachene non musulmane. La manifestazione era stata convocata dal Patriarca caldeo Louis Raphael I per protestare contro la legge che dispone il passaggio automatico alla religione islamica dei minori quando anche uno solo dei due genitori si converte all’islam. 
Molti dei manifestanti – come documentato dal sito ankawa.com – esponevano striscioni e cartelli dove la legge veniva definita come un grave fattore di destabilizzazione della convivenza tra le diverse componenti della società irachena. Alla mobilitazione hanno preso parte anche numerosi membri del Parlamento iracheno. Nel corso della manifestazione, il Patriarca caldeo ha ripetuto dai microfoni il proposito di ricorrere ai tribunali internazionali che tutelano i diritti umani – a partire dall’Alto Commissariato dell’Onu per i diritti umani – se il Parlamento iracheno non modificherà la legge, che appare anche in contrasto con gli articoli della Costituzione irachena in cui viene affermata la piena uguaglianza dei cittadini davanti alla legge. 
Lo scorso 27 ottobre (vedi Fides 28/10/2015) il Parlamento iracheno ha già respinto a larga maggioranza la proposta di modifica della legge avanzata dai rappresentanti cristiani, ma sostenuta da parlamentari appartenenti a schieramenti diversi. In tale proposta, si chiedeva di aggiungere al paragrafo riguardante i minori della legge controversa una frase, allo scopo di affermare che nel caso di conversione all’islam di un genitore i minori rimangono nella religione originaria di appartenenza fino ai diciotto anni, per poi scegliere la religione a cui appartenere in piena libertà di coscienza. (GV) (Agenzia Fides 11/11/2015)

Il testo originale e completo si trova su:

http://www.fides.org/it/news/58785-ASIA_IRAQ_Grande_partecipazione_alla_manifestazione_di_protesta_contro_la_legge_sull_islamizzazione_dei_minori