Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
13 Gennaio 2015

ASIA/PAKISTAN – ( 13 Gennaio 2015 )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

ASIA/PAKISTAN – Uomo disabile mentale ucciso per accuse di blasfemia

Rawalpindi (Agenzia Fides) – Un uomo musulmano di 52 anni, Abid Mehmood, accusato di blasfemia nel 2011 e rilasciato dal carcere pochi giorni fa per disabilità fisica e mentale, è stato assassinato da uomini mascherati. La sua disabilità era stata certificata da un consiglio di medici dell’ospedale di Rawalpindi. Il suo cadavere è stato ritrovato in una zona disabitata, nei pressi della stazione ferroviaria di Usman Khattar, a Rawalpindi. Quando i parenti hanno portato il corpo nel villaggio dove Abid abitava per dargli degna sepoltura, una folla di musulmani ha impedito di inumarlo nel cimitero locale, gridando contro il “blasfemo”. L’uomo è stato sepolto nel cortile di casa sua.
La legge sulla blasfemia – commenta a Fides una nota dell’Ong pakistana “Lead” – “sta diventando sempre più un’arma nell’arsenale degli estremisti religiosi. Dopo l’episodio dei due coniugi cristiani arsi visi per accuse di blasfemia, il clima di paura, specie fra le minoranze religiose, è più forte”. Anche le persone giudicate innocenti e rilasciate sono in pericolo: un caso esemplare è quello di Younas Masih, cristiano che era stato condannato a morte e poi rilasciato dopo l’assoluzione dall’Alta Corte di Lahore. Masih è tuttora costretto a vivere in clandestinità per paura di essere identificato e ucciso dagli estremisti. (PA) (Agenzia Fides 13/1/2015)

Il testo originale e completo si trova su:

http://www.fides.org/it/news/56772-ASIA_PAKISTAN_Uomo_disabile_mentale_ucciso_per_accuse_di_blasfemia#.VLUvfMl90rM