Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
23 Giugno 2016

ASIA/PAKISTAN – ( 23 Giugno 2016 )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

ASIA/PAKISTAN – Omicidi mirati contro gli ahmadi: terza vittima

giovedì, 23 giugno 2016 persecuzioni   islam   violenza  

hrw

 
PAKISTAN

Karachi (Agenzia Fides) – Un medico omeopata appartenente alla comunità Ahmadiyya è stato ucciso nella sua clinica a Karachi il 20 giugno. Chaudhry Khaliq Ahmad è stato ucciso da ignoti, mentre stava recandosi a visitare i pazienti nella sua clinica Sikandar Goth. E ‘stato colpito più volte ed è deceduto mentre veniva trasportato in ospedale.
Si tratta dell’ultimo di una scia di omicidi mirati di rappresentanti della comunità ahmadiyya in Pakistan, setta musulmana considerata dai credenti sunniti e sciiti “eretica” e per questo emarginata e perseguitata. Gli ahmadi non sono autorizzati nemmeno a definirsi “musulmani”
Nelle ultime cinque settimane, diverse sono state le uccisioni motivate solo dall’odio religioso: il 5 giugno, un altro medico Hameed Ahmed, è stato ucciso davanti alla sua casa ad Attock da due uomini non identificati. Il 25 maggio, Daud Ahmad è stato ucciso vicino a casa sua casa stesso quartiere di Karachi.
Come appreso da Fides, il portavoce della comunità musulmana Ahmadiyya in Pakistan, Salim Ud Din, ha detto, “Sono scioccato e rattristato per la notizia dell’omicidio di Chaudhry Khaliq Ahmad. Le parole non possono descrivere il dolore, che avverto i e tutti gli ahmadi, in Pakistan e in tutto il mondo, a causa di questo atto atroce. Sembra che non vi sia tregua per Ahmadi anche nel mese sacro del Ramadan. Siamo presi di mira in modo chiaro e metodico. Le autorità devono agire rapidamente per porre fine a questi omicidi indiscriminati”
L’Ong Christian Solidarity Worldwide dichiara in una nota inviata Fides: “Siamo costernato da questa inarrestabile scia di omicidi mirati di membri della comunità Ahmadiyya e dall’impunità che caratterizza tali attacchi. Esortiamo la polizia per arrestare e perseguire i responsabili e chiediamo al governo del Pakistan di modificare la legislazione discriminatoria, adottando misure adeguate per ridurre la vulnerabilità della comunità Ahmadiyya e di altre minoranze religiose in Pakistan”.
La comunità Ahmadiyya, parte delle minoranze religiose in Pakistan, è stata dichiarata “non musulmana” in Costituzione del 1974. (PA) (Agenzia Fides 23/6/2015)

Il testo originale e completo si trova su:

http://www.fides.org/it/news/60299-ASIA_PAKISTAN_Omicidi_mirati_contro_gli_ahmadi_terza_vittima#.V2ukVTW53F8