Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
16 Novembre 2011

AZERBAIGIAN – (16 Novembre)

AZERBAIGIAN: AMNESTY INTERNATIONAL, RAPPORTO SULLA SOPPRESSIONE DELLA LIBERTÀ
Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Un nuovo Rapporto di Amnesty International denuncia la repressione del dissenso ordita dalle autorità dell’Azerbaigian nel marzo di quest’anno. Titolo dell’indagine diffusa oggi: “La primavera che non sbocciò. La soppressione della libertà in Azerbaigian”. Da marzo, è quanto emerge dal Rapporto, giovani attivisti ed esponenti dell’opposizione sono stati imprigionati sulla base di accuse pretestuose; giornalisti e difensori dei diritti umani hanno ricevuto minacce. Amnesty International sollecita l’immediato rilascio di 17 prigionieri di coscienza, condannati in relazione alle proteste. “Il giro di vite – afferma Natalia Nozadze, ricercatrice di Amnesty International sull’Azerbaigian – ha mandato un messaggio chiaro e calcolato: esprimere pubblicamente il dissenso e cercare di mobilitare l’opinione pubblica contro il governo non è tollerato”. Per Nozadze, “l’Unione europea e gli altri partner internazionali dell’Azerbaigian devono usare ogni opportunità per sollecitare il rilascio dei prigionieri di coscienza e la fine della soppressione delle proteste pacifiche, delle opinioni critiche e dell’opposizione politica”.

Il testo completo si trova su:


http://www.agensir.it/pls/sir/v3_s2doc_b.quotidiano?tema=Quotidiano&argomento=dettaglio&id_oggetto=228665