Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
13 Febbraio 2021

BANGLADESH – (13 Febbraio 2021)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

ASIA/BANGLADESH – Le minoranze religiose: in Parlamento si recitino versetti sacri di tutte le fedi

sabato, 13 febbraio 2021
 

Dhaka (Agenzia Fides) – Leggere versetti dai libri sacri di tutte le religioni prima dell’inizio della sessione parlamentare: è la richiesta sollevata dal “Bangladesh Hindu Buddhist Christian Unity Council” (BHUCUC), Consiglio interreligioso che riunisce in Bangladesh leader delle comunità religiose minoritarie, nel paese a larga maggioranza islamica.
Come appreso da Fides, il leader indù Rana Dasgupta, Segretario generale del BHBCUC, ha dichiarato: “Crediamo che nell’interesse dell’uguaglianza, della giustizia e della democrazia, la speranza di tutte le comunità religiose in Bangladesh sia di porre fine a ogni discriminazione religiosa nell’Assemblea nazionale del Bangladesh. In tal caso, a partire dall’anno del Giubileo d’oro dell’indipendenza (1971-2021), all’inizio della sessione parlamentare e in ogni giorno lavorativo, si dovrebbe prendere l’iniziativa di leggere le sacre scritture di tutte le religioni”. Già dal 1973 al 1975, ricorda il Consiglio, la lettura delle Sacre Scritture di tutte le religioni ha avuto luogo in sessioni parlamentari. Ora è pratica è leggere versetti sacri solo dal Corano. Dasgupta ha fatto appello al presidente e al governo affinché si prenda l’iniziativa di pregare secondo i diversi riti religiosi dei parlamentari presenti: vi sono infatti nella Assemblea nazionale 19 membri dei parlamenti provenienti da comunità religiose minoritarie.
Il leader cristiano Nirmol Rozario, presidente del BHBCUC, concordando con la richiesta di Dasgupta, afferma : “Desideriamo un paese laico e rispettoso di tutti i cittadini, di ogni fede religiosa. Durante la guerra di indipendenza, persone di tutte le fedi hanno combattuto per un paese indipendente e tanti di loro furono tra le vittime della guerra . Oggi tutti noi abbiamo il diritto di praticare la nostra religione”. “Chiediamo e umilmente al presidente del parlamento e al primo ministro Shekh Hasina di iniziare la recita dei libri sacri di tutte le regioni prima dell’inizio di ogni sessione in Parlamento”, ha detto Rozario.
Il leader religioso buddista Bhikkhu Sunanda Priya ha detto che il governo mostrerà di dare spazio ai gruppi religiosi minoritari, “l’immagine del Bangladesh sarà più luminosa”.
Su 160 milioni di abitanti, in Bangladesh l’ 89,5% circa della popolazione professa la fede musulmana, l’9,6% è indù e il restante 0,9% include cristiani (tra questi i cattolici sono 400.00), buddisti e sikh.
(FC) Agenzia Fides (13/2/2021)

Il testo originale e completo si trova su:

http://www.fides.org/it/news/69595-ASIA_BANGLADESH_Le_minoranze_religiose_in_Parlamento_si_recitino_versetti_sacri_di_tutte_le_fedi