Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
26 Giugno 2019

BETLEMME – (26 Giugno 2019)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Betlemme, fonti battesimali riscoperti alla Natività

Terrasanta.net
26 giugno 2019
Betlemme, fonti battesimali riscoperti alla Natività

Una delle vasche riportate alla luce nella basilica della Natività a Betlemme. (foto Wisam Hashlamoun/Flash90)

Lo scorso 22 giugno, il capo della Commissione palestinese che supervisiona i restauri della basilica della Natività, a Betlemme, ha annunciato il rinvenimento di quelle che sembrano vasche battesimali d’epoca bizantina.


(c.l.) – Dal patriarcato latino di Gerusalemme all’ex sindaco di Betlemme (la cristiana Vera Baboun) passando per la stampa locale (israeliana e palestinese), molti hanno fatto eco alla notizia. Nella basilica della Natività a Betlemme (Territori palestinesi) sono stati scoperti quelli che sembrano essere dei fonti battesimali, bacini usati per il battesimo dei catecumeni. Così, almeno, sono stati presentati nel corso di una conferenza stampa indetta il 22 giugno scorso dal presidente della commissione per i restauri della basilica, istituita anni fa dall’Autorità palestinese. «Altri fonti battesimali di forma circolare – ha affermato Ziad al-Bandak, citato dall’agenzia di stampa ufficiale palestinese Wafa – sono stati trovati sotto i fonti battesimali ottagonali già noti fatti di una pietra simile a quella delle colonne», che delimitano le navate dell’antico edificio sacro.

Ziad al-Bandak ha annunciato di aver convocato esperti del ministero palestinese del Turismo e delle Antichità, oltre agli esperti internazionali già al lavoro, per partecipare agli studi e all’analisi archeologica dei fonti recentemente riportati alla luce.

Le vasche battesimali risalgono certamente al periodo bizantino, ma il compito di stabilire una datazione più precisa spetterà all’italiano Michele Bacci, professore di arte medievale all’università di Friburgo (Svizzera).

Un gioiello «splendido e raffinato»

Ziad al-Bandak, stando a quanto riferisce l’Associated Press, ha definito «magnifici» i fonti battesimali, mentre Giammarco Piacenti, responsabile della Piacenti Spa, la società italiana che dal settembre 2013 lavora ai restauri della basilica di Betlemme, considera quest’ultima scoperta come un gioiello «splendido e raffinato». I fonti battesimali da poco rinvenuti si presentano come vasche con la parte esterna finemente cesellata con motivi vegetali (un intreccio di foglie). Sottolineandone la «grande bellezza», Giammarco Piacenti ha spiegato all’agenzia Ansa di ritenere che questi manufatti siano stati probabilmente realizzati per committenti importanti. Secondo l’imprenditore toscano la scoperta è di grande importanza, perché aggiunge un nuovo elemento «alla ricostruzione della storia della basilica e della sua tradizione cristiana».

Ziad al-Bandak ha soggiunto che i fonti battesimali saranno restaurati da specialisti in conformità con gli standard internazionali. I lavori in corso nella basilica, iniziati nel 2013 dovrebbero terminare entro la fine di quest’anno. Una scadenza importante, perché Betlemme sarà capitale araba della cultura nel 2020. La cerimonia internazionale che suggellerà la fine dei lavori, ha detto Ziad al-Bandak, è stata posticipata dal prossimo novembre al maggio/giugno del prossimo anno, «per consentire alle tre Chiese responsabili della basilica [il Patriarcato greco ortodosso di Gerusalemme, la Custodia di Terra Santa e il Patriarcato armeno ortodosso di Gerusalemme – ndr] di completare, rispettando lo Statu quo, il restauro della grotta che costituisce il fondamento e l’essenza della santità della chiesa della Natività e il luogo in cui nacque Gesù Cristo».

Situata sul luogo di nascita di Gesù Cristo, la basilica della Natività fu eretta nel IV secolo per volontà dell’imperatore romano Costantino e restaurata sotto Giustiniano nel VI secolo.

Il sito è stato inserito nel Patrimonio dell’umanità dall’Unesco nel 2013. Negli anni successivi sono stati realizzati interventi straordinari di restauro. Dopo il tetto, è stato il turno di tutto il dispositivo decorativo per il loro antico splendore un ciclo di mosaici unico al mondo.

Il testo originale e completo si trova su:

https://www.terrasanta.net/2019/06/betlemme-fonti-battesimali-riscoperti-alla-nativita/