Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
7 Aprile 2014

CAMERUN – ( 7 Aprile )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Preti rapiti in Camerun, ancora nessuna notizia
 
 
 
 
 

Rastrellamenti a tappeto e frontiere sotto controllo in Camerun per ritrovare Gianantonio Allegri e Gianpaolo Marta, i due sacerdoti italiani rapiti nella notte tra venerdì e sabato insieme a un’anziana suora canadese.

O almeno per avere qualche informazione sulla loro sorte. Il dispiegamento delle forze di sicurezza è imponente e la Farnesina è al lavoro, come pure la diplomazia vaticana.

Ma non ci sono né notizie né rivendicazioni, anche se il riserbo è d’obbligo come ha ricordato questa mattina il vescovo di Vicenza, mons. Beniamino Pizziol. Polizia e servizi camerunesi propendono per la pista degli integralisti di Boko Haram, impegnati nello sterminio sistematico di cristiani e islamici moderati nel nord-est della Nigeria, area che confina con il nord del Camerun, proprio quella dove sono stati rapiti i due sacerdoti vicentini. 

Ieri nello stato di Yobe e in quello di Zamfara, nel nord della Nigeria, sono state massacrate 47 persone in due diversi attacchi.  Nel primo, proprio ad opera dei Boko Haram. sono state trucidate 17 persone, alcune delle quali pregavano in una moschea.


Nel secondo, pastori di etnia fulani hanno massacrato 30 persone, molti i membri delle milizie di autodifesa anti Boko Haram. Il timore è che Allegri e Marta siano stati trasferiti dai sequestratori in quella zona, di fatto fuori controllo, e da dove – se sono lì – sarebbe difficilissimo tirarli fuori.
 
Anche se “tutte le uscite dal Paese (nell’estremo nord, alla frontiera con la Nigeria) sono state messe sotto controllo da poco dopo il rapimento”, come ha precisato un responsabile della sicurezza che ha voluto conservare l’anonimato, il trasferimento oltre confine potrebbe essere avvenuto immediatamente dopo il sequestro. Nella regione della diocesi camerunese di Maroua si continua comunque a cercare.


“Siamo ovunque. Dal momento del rapimento siamo sul terreno” ha detto il governatore della regione Awa Fonka Augustine, senza dare altre precisazioni. Anche il ministro della difesa Edgard Alain Mebe Ngòo si trova lì per coordinare le ricerche.   


In ogni caso finora non è filtrata nessuna indicazione. Monsignor Pizziol, da Vicenza, ha invitato i giornalisti alla massima prudenza per non interferire con il lavoro della Farnesina e ha ricordato come “un esplicito invito alla discrezione ci é arrivato direttamente dal ministero degli Esteri italiano che, fin dai primi momenti, ha attivato la propria unità di crisi e i contatti diretti con l’ambasciata in Camerun”. Della sorte dei due sacerdoti missionari – ha precisato il vescovo – non sappiamo davvero nulla di certo. Non si può dire se stiano bene, se siano salvi o nelle mani di chi. Per questo ogni illazione oggi potrebbe risultare dannosa rispetto alla speranza da tutti condivisa di arrivare ad una positiva soluzione del rapimento. Ogni comunicazione ufficiale e diretta é interrotta, e alcune ipotesi circa il gruppo che potrebbe aver rapito i due religiosi o il ritrovamento di un deposito di armi, al momento non trovano conferme”.

 
 
© riproduzione riservata
 

Il testo completo si trova su:

http://www.avvenire.it/Mondo/Pagine/Camerun-preti-rapiti-rastrellamenti-e-controlli-a-confini.aspx