Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
Dal Mondo

TUNISIA – (25 Ottobre)

ELEZIONI IN TUNISIA: OASIS, "DESIDERIO DI ROMPERE CON IL PASSATO"

Le elezioni in Tunisia, di cui si sapranno stasera i risultati definitivi, fanno emergere “il desiderio dei tunisini di rompere il più possibile con il passato”. E’ il parere di Khadija Mohsen-Finan (Università di Parigi VIII) e Malika Zeghal (Harvard University), che tracciano una prima analisi sul voto del 23 ottobre in Tunisia per eleggere […]

DONNE E PRIMAVERA ARABA – (25 Ottobre)

Al loro fianco Presentato a Roma un documento del ''Centro Nord Sud'' del CdE

È urgente “promuovere il rafforzamento dello status delle donne come priorità nell’agenda del Consiglio d’Europa, nella convinzione che ciò sia necessario per combattere in modo sempre più incisivo ogni forma di discriminazione e promuovere una piena attuazione del principio di eguaglianza, favorendo l’integrazione di una dimensione specifica dell’eguaglianza di genere nei futuri programmi di cooperazione […]

TURCHIA – (25 Ottobre)

TERREMOTO TURCHIA: MONS. FRANCESCHINI (CET), "È IL TEMPO DELLA SOLIDARIETÀ"

Continua a salire il numero delle vittime del terremoto di magnitudo 7.2 che domenica ha colpito la parte sudest della Turchia, la provincia di Van: l’ultimo bilancio, fornito dall’Amministrazione per i disastri e l’emergenza, parla di 432 morti e 1352 feriti. Tuttavia, nella tragedia, non mancano “segni di speranza” come mons. Ruggero Franceschini, presidente della […]

TUNISIA – (25 Ottobre)

Tunisia: elezioni "libere e giuste", esempio per i Paesi arabi

Prosegue lo spoglio dei voti espressi nelle elezioni, svoltesi domenica scorsa in Tunisia, per la scelta dei deputati che faranno parte della Costituente. Il partito islamista Ennahda risulta in testa con circa il 35% dei consensi: un aspetto, questo, che desta preoccupazione nel mondo occidentale, per una possibile virata fondamentalista nella nuova democrazia tunisina. Di […]

MEDIO ORIENTE – (25 Ottobre)

Le donne della primavera araba, necessarie per stabilire la democrazia di Giulia Mazza

Bernard Sabella, professore cattolico di sociologia all’università di Betlemme, analizza il ruolo della donna nei Paesi mediorientali: figura in secondo piano, attivista politica, o terrorista. Gli Stati devono garantire sicurezza economica, sociale, culturale ed educativa, non solo militare. Sulla situazione palestinese, il docente afferma: “Gli uomini hanno bisogno delle donne per creare uno Stato indipendente”.Roma […]

PRIMAVERA ARABA – (25 Otttobre)

PRIMAVERA ARABA: BOER (CDE), STARE AL FIANCO DELLE "DONNE SCESE IN PIAZZA"

“La questione della partecipazione è legata al principio fondamentale dell’uguaglianza tra donne e uomini. Tutti noi abbiamo visto immagini di donne scese in piazza per chiedere un cambiamento, ma stare a guardare non basta. Dobbiamo dimostrare che abbiamo anche ascoltato e compreso i loro messaggi, e che siamo al loro fianco”. Così Maud de Boer-Buquicchio, […]

EGITTO – (24 Ottobre)

EGITTO: UN VESCOVO PARLA A CUORE APERTO

Lettera di monsignor Joannes Zakaria, vescovo dei Copti Cattolici di LuxorROMA, lunedì, 24 ottobre 2011 (ZENIT.org).- Pubblichiamo una testimonianza di monsignor Joannes Zakaria, vescovo dei Copti Cattolici di Luxor, sulla situazione dei cristiani in Egitto Paese, scritta in seguito all’uccisione di 27 copti, avvenuta domenica 10 ottobre 2011 nella capitale Il Cairo. Il testo è […]

MALAYSIA – (24 Ottobre)

Malaysia: gruppi radicali musulmani manifestano contro i cristiani

Una manifestazione inutile, con motivazioni puramente politiche che servirà solo a minare l’unità del Paese. Così i leader cristiani malesi hanno commentato l’”Himpunan Sejuta Umat”, il mega-raduno di un milione di fedeli musulmani organizzato sabato a Kuala Lumpur da gruppi islamisti contro il presunto proselitismo dei cristiani nel Paese. La manifestazione ha voluto essere una […]

LIBIA – (24 Ottobre)

Islam, tribù e democrazia: il futuro difficile della Libia di Francesco Zannini

Ieri alla proclamazione della liberazione, Jalil ha rivendicato la sharia come base per la Nuova Libia. Le ambiguità della costituzione: promette libertà religiosa ai non musulmani, ma afferma la sharia come fonte delle leggi. L’unità dello Stato rischia di sbriciolarsi a causa delle 3000 e più tribù; gli interessi locali si scontrano con quelli internazionali.Roma […]

TUNISIA – (24 Ottobre)

Tunisia, al via lo spoglio delle schede alle prime elezioni libere

Affluenza alle urne superiore al 90%. Ennahada, partito filo- islamico è in testa con il 35% delle preferenze. Timori per una vittoria dei movimenti islamici.Tunisi (AsiaNews/ Agenzie) – Con ogni probabilità saranno resi noti entro questa sera i risultati delle prime elezioni libere tenutesi ieri sera in Tunisia dopo la caduta di Ben Alì, che […]