Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
6 Dicembre 2013

CENTRAFRICA – ( 6 Dicembre )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Bagno di sangue in Centrafrica, sì dell’Onu all’invio di truppe francesi



Bagno di sangue in Centrafrica dove sono in corso scontri tra gli ex ribelli islamisti del Fronte Seleka, e i combattenti rimasti fedeli al deposto presidente Francois Bozizè. Fonti umanitarie parlano di almeno 150 morti. Intanto il Consiglio di Sicurezza dell’Onu ha approvato la risoluzione che autorizza l’intervento delle truppe francesi e dell’Unione africana per fermare l’escalation di violenza e Parigi ha già schierato a Bangui altri 250 soldati. Cecilia Seppia:RealAudioMP3

Per le strade, negli ospedali, persino in una moschea nel centro della capitale: dovunque ci sono cadaveri e feriti ma gli scontri tra i ribelli Seleka attualmente alla guida del Centrafrica e i fedelissimi di Bozizè iniziati nella notte, sembrano non arrestarsi. Per cercare di arginare la violenza, il Consiglio di Sicurezza dell’Onu ha approvato una risoluzione che autorizza l’intervento di truppe dell’Unione africana e francesi. Un totale di 4800 soldati come previsto in una bozza definita dal ministero della Difesa di Parigi che potranno intraprendere – si legge nel testo – tutte le misure necessarie per proteggere i civili e stabilizzare il Paese. Il Consiglio chiede inoltre al segretario generale dell’Onu Ban Ki moon di istituire una commissione d’inchiesta per indagare sugli abusi di diritti umani e minaccia altre sanzioni contro chi viola tali diritti. Si chiede infine a tutte le parti di assicurare un accesso rapido, sicuro e senza condizioni alle organizzazioni umanitarie. Londra dal canto suo, per ora propone un aiuto logistico e limitato alla Francia.Tante inoltre le persone in fuga, molte hanno trovato rifugio presso le parrocchie di Bangui enei centri Caritas.


Per padre Elisée Guendjange, segretario generale della Caritas in Centrafrica, non si può parlare di un conflitto interconfessionale, anche se il rischio che diventi tale è molto alto. L’intervista è di Marie Duhamel:00:03:38:06

R. – Il y a une tentative – il faut le reconnaitre – d’instrumentalisation de religion…
Bisogna riconoscerlo: in questo momento c’è il tentativo di strumentalizzare la religione. Ma questo dipende da alcuni elementi che si sono infiltrati tra gli anti-balaka. Gli anti-balaka sono dei giovani che hanno assistito a violenze sessuali sulle loro mogli, che hanno visto uccidere le loro madri, anche tra loro qualcuno è stato violentato… Loro non vogliono più sopportare tutto questo e quindi sono entrati nella la savana con gli “anti-balaka”, per opporsi al Séléka. Magari queste rivendicazioni sono anche giuste, ma ci sono – tra loro – infiltrazioni di elementi estranei che li spingono ad agire contro alcuni musulmani che sono innocenti, in tutta questa faccenda. Infatti, perfino dei musulmani hanno subito saccheggi dal Séléka. In questo momento, il rischio è proprio questo: che si sta cercando di fare entrare in conflitto i gruppi religiosi, quando fondamentalmente queste gruppi non sono in conflitto, nemmeno a Bangui.

D. – Chi sta cercando di creare queste ulteriori tensioni?

R. – Oh, derrière il y a certaines hommes politiques…
Oh, dietro ci sono determinati uomini politici…

D. – Si parla al tempo stesso di conflitto interconfessionale e di guerra civile. Lei quale lettura ne dà?

R. – D’un coté, on a comme l’impression qu’il y a eu une occupation étrangère…
Da un lato, si ha quasi l’impressione di trovarsi sotto occupazione straniera. Molti degli uomini armati che si trovano in quella zona parlano arabo, sono ciadiani e sudanesi. Io non mi pronuncio ancora sul concetto di guerra civile, ma esiste comunque il rischio di strumentalizzazione, ed è quello che noi non vogliamo. E’ già stata approntata una piattaforma religiosa dall’arcivescovo e dal presidente. Ci sono anche il rappresentante protestante e quello musulmano: tutti loro si comprendono molto bene. Quando si sono fatti gli spostamenti, la piattaforma ha seguito gli spostamenti per sensibilizzare le persone alla riconciliazione e alla pace.

D. – Esiste un dialogo anche con i ribelli del Séléka, o incutono troppo timore?

R. – C’est un peux difficile. Je vous donne le cas, par exemple, de la dernière…
E’ un po’ difficile. Le faccio l’esempio dell’ultima missione. Giunti all’ingresso della città di Bossangoa, nemmeno l’imam è stato accettato dal Séléka. Uno di loro ha detto: “Lasciami in pace, con queste cose”. Abbiamo l’impressione che tra i musulmani ce ne siano che non praticano nemmeno la loro religione, quindi che non ascoltano nemmeno i loro imam: e questo è grave.

D. – Questo significa che, in qualche modo, ci sono dei mercenari tra loro. Lei pensa che con l’arrivo dei soldati stranieri, questi ultimi possano diventare ancora più aggressivi, sentendosi potenzialmente minacciati?

R. – Pour le moment, ils ont peur. Certains commencent même a fuir…
In questo momento, hanno paura. Alcuni si sono anche dati alla fuga. Da cinque giorni ci sono i sudanesi a Yaloké. Yaloké è una provincia a 225 km da Bangui. Erano lì, e lì imponevano le loro leggi. Ma da quando hanno saputo che verrano i soldati francesi, sono saliti sui loro mezzi e se ne sono andati. E la popolazione, che si è rifugiata nella savana, sta incominciando a uscirne. Questo è già un grande sollievo per questa popolazione, che è stata per tanto tempo oppressa e presa in ostaggio. Noi ci auguriamo che lo spiegamento delle forze francesi avvenga quando prima, perché la forza di pace internazionale non ha ancora l’autorizzazione ad intervenire direttamente. I ribelli uccidono le persone direttamente davanti ai loro occhi, violentano le donne… Ecco perché noi auspichiamo vivamente l’arrivo dei militari francesi, affinché ci sia di nuovo la sicurezza nel Paese.

Testo proveniente dalla pagina

 
http://it.radiovaticana.va/news/2013/12/06/bagno_di_sangue_in_centrafrica,_sì_dellonu_allinvio_di_truppe/it1-753196

del sito Radio Vaticana