Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
12 Luglio 2013

EGITTO – ( 12 Luglio )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

In Egitto giornata di mobilitazione per gli islamisti; ancora violenze nel Sinai, ucciso un poliziotto

Giornata cruciale, questo primo venerdì del Ramadán, in Egitto, per il neopremier Hazem el-Beblawi che ha già incassato il no dei Fratelli Musulmani alla sua offerta di entrare nel governo. Per oggi sono attese mobilitazioni dei sostenitori e degli oppositori dell’ex presidente Morsi, mentre proseguono gli attacchi nel Sinai: militanti armati hanno attaccato un posto di blocco, uccidendo un agente, e una stazione di polizia a El-Arish. Intanto, due navi militari degli Stati Uniti, di pattuglia nel Mar Rosso, si sono avvicinate alle coste egiziane. Dal Cairo, Giuseppe Acconcia:RealAudioMP3

Tornano oggi le due piazze contrapposte: da una parte gli islamisti, dall’altra le opposizioni, mentre il Fronte di salvezza nazionale che unisce i maggiori gruppi laici e nasseristi ha chiesto la revisione della road map, presentata dal presidente ad interim Adli Mansour, che prevede elezioni entro sei mesi. Mentre si aggravano le violenze settarie nel Sinai, alcuni militanti armati hanno ucciso un poliziotto in un attacco a un posto di blocco. I corpi di tre egiziani copti, invece, sono stati ritrovati ieri. Il cadavere decapitato di Magdi, 60 anni, è stato rinvenuto nel villaggio di Shaykh Zuwayyid; era stato rapito due giorni prima nella stessa località, mentre due salme sono state ritrovate vicino Luxor, nel sud del Paese: in questo caso si tratterebbe di una faida tra famiglie. Secondo le forze di sicurezza egiziane, solo negli ultimi giorni, l’esercito ha arrestato e poi ucciso nel Sinai 200 militanti armati, tra i quali 32 affiliati del movimento palestinese Hamas. Infine, dopo gli arresti dei leader della Fratellanza, le epurazioni sono proseguite con il cambio dei dirigenti del quotidiano filo-governativo Al Ahram. Anche il Segretario generale delle Nazioni Unite, Ban ki-moon si è detto “gravemente preoccupato” per gli arresti e i mandati di cattura dei leader dei Fratelli Musulmani.

Testo proveniente dalla pagina

http://it.radiovaticana.va/news/2013/07/12/in_egitto_giornata_di_mobilitazione_per_gli_islamisti;_ancor/it1-709738


del sito Radio Vaticana