Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
14 Aprile 2013

EGITTO – ( 14 Aprile )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Violenze anticristiane in Egitto. Padre Ianniello: cultura e solidarietà per promuovere la convivenza



In Egitto, dopo le nuove violenze anticristiane degli ultimi giorni, la comunità ecclesiale vive momenti di forte preoccupazione: la difficile situazione politica, la povertà in aumento, la convivenza non facile con i musulmani. Serena Picariello, del Franciscan Media Center, ne ha parlato con padre Vincenzo Ianniello, in visita a Gerusalemme, ormai da anni direttore del Centro di studi del Musky, quartiere popolare del Cairo dove sorge il convento francescano della Custodia di Terra Santa: RealAudioMP3

R. – Quello che si sente dire in Occidente, qualche volta non corrisponde del tutto alla realta’ … l’Egitto non è un piccolo villaggio, anzi: l’Egitto è fatto di tante situazioni geografiche che bisogna saper distinguere: non solamente geografiche ma purtroppo anche culturali. Questi ultimi scontri che ci sono stati la settimana scorsa nascono da un fatto culturale, di separazione tra mondo cristiano e musulmano, come se l’uno volesse prendere il sopravvento sull’altro. Se ne sentono con una certa regolarità…

D. – Dove si verificano in particolare?

R. – Proprio nei posti dove c’è meno cultura. Questo non toglie che ci sia una certa preoccupazione tra la gente che dice: ‘Adesso che i Fratelli musulmani arriveranno al potere, cosa accadrà?’. Infatti, loro continuano a dire di voler stabilire la legge islamica, la sharia, come se un ritorno al passato fosse la soluzione dei problemi. Questo chi lo pensa? Può pensarlo gente che non ha una cultura, che non sa guardare al futuro … per molti musulmani questo è evidente, e vorrebbero ricreare questi rapporti.

D- . Che esperienza ha al riguardo?

R. – A ottobre sono stato nominato visitatore generale per la comunità francescana dell’Egitto e ho avuto la possibilità di visitare un villaggio dove c’è una tensione altissima tra cristiani e musulmani. Non c’è la chiesa perché è stata distrutta, volevano ricostruirla e l’hanno impedito, hanno fatto delle impalcature di legno e gliel’hanno bruciate … Questo frate, la prima cosa che ha fatto è stato cercare di creare buoni rapporti tra cristiani e musulmani, e così ha cominciato ad andare casa per casa dai musulmani…

D. – E cosa è accaduto dopo?

R. – Da quello che mi raccontavano, da una tensione altissima, scontri e qualche morto, si è passati ormai a dei buoni rapporti.

D. Come vive la gente in Egitto?

R. – La gente vive veramente in uno stato di povertà assoluta: circa la metà della popolazione vive in questa situazione, veramente non hanno da mangiare … Io lo vedo, perché questa è gente che viene da noi: generalmente, anche se noi siamo latini, sono quasi tutti copti ortodossi; vengono qui e hanno bisogno di tutto. Hanno bisogno per la casa, e noi ogni mese paghiamo loro gli affitti, o troviamo nuove case; hanno bisogno di ospedali, continuamente viene gente da noi a chiedere medicine, cure e altre cose … Hanno bisogno per le scuole: il livello scolastico è molto, molto basso e quindi per imparare qualcosa bisogna andare alle lezioni private, che però costano anche 50 lire a lezione; e chi prende uno stipendio – quelli che ce l’hanno – di 300, 400, 500 lire, non possono permettersi di pagare per i figli 50 lire a lezione!

D. – Avete altre iniziative?

R. – Abbiamo un giardino di infanzia, soprattutto per i bambini più poveri; poi c’e’ padre Antonio che, nonostante la sua malattia, ha aperto un hadan, cioe’ un giardino di infanzia per gli zabalin, quelli che raccolgono le immondizie. Ha preso delle ragazze che conosceva, le ha spinte a studiare, a interessarsi … sono diventate valide collaboratrici. Mi diceva una di queste ragazze: ‘Vedi, costa molta fatica, molto sacrificio, perché sei tutta la giornata lì: anche la domenica non siamo libere perché c’è scuola e noi seguiamo il programma governativo. Però, quando viene una bambina e ti dice: ‘Sai maestra, io sono molto contenta di te, eccetto una sola cosa: sei così brava che mi dispiace che tu non sia musulmana!’. E lei le ha risposto: ‘Forse sono così brava proprio perché sono cristiana!’.

Testo proveniente dalla pagina

 
http://it.radiovaticana.va/news/2013/04/14/violenze_anticristiane_in_egitto._padre_ianniello:_cultura_/it1-682770
 

del sito Radio Vaticana