Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
15 Giugno 2012

EGITTO – ( 15 Giugno )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
In Egitto bocciate due leggi chiave del processo di transizione




Alla vigilia del ballottaggio delle presidenziali, in Egitto i passi del processo di transizione politico del dopo Mubarak sembrano rimessi in discussione da una sentenza della Corte costituzionale. In tanti parlano di caos, qualcuno parla di golpe. Il servizio di Fausta Speranza RealAudioMP3

Per i giudici due leggi chiave non sono costituzionali. La prima impediva agli esponenti del vecchio regime di entrare nella vita politica del post rivoluzione. Era stata approvata di corsa per sbarrare la strada a Shafiq, ultimo premier di Mubarak. La seconda è la legge elettorale con la quale è stato eletto il primo Parlamento, che dunque risulta ora illegittimo. Il punto è che quel parlamento solo due giorni fa ha votato per la seconda volta i componenti dell’assemblea che dovrebbe scrivere la nuova Costituzione e definire, tra l’altro, i poteri del nuovo presidente e il suo rapporto con gli altri poteri dello Stato. Ci si chiede che fine farà l’assemblea costituente. La riflessione, al microfono di Davide Maggiore, di Sameh Fawzy, copto ortodosso, direttore del forum per il dialogo ‘Bibliotheca Alexandrina’:

R. – Definitely, we are facing a very critical position in the Egyptian society …
Sono passati un anno e cinque mesi senza che siamo riusciti a ottenere esiti politici importanti per quanto riguarda la realizzazioni di istituzioni politiche o democratiche nella società egiziana. L’unico risultato che avevamo raggiunto era l’elezione del nuovo Parlamento ed ora è dichiarato incostituzionale, e questo significa che adesso ci troviamo alla casella di partenza: non abbiamo una costituzione, non abbiamo un presidente, non abbiamo un Parlamento, c’è un vuoto politico totale! Le stesse forze politiche che avevano deciso di rovesciare il regime di Mubarak, sono in conflitto tra di loro. La gente ordinaria è molto confusa, molte persone risentono della mancanza di sicurezza e di ordine che regna da ormai un anno e mezzo. Non credo che oggi una nuova chiamata alla rivoluzione possa trovare un ampio supporto da parte della gente …


Resta da dire che nel Parlamento attuale dominano gli islamici, che ora gridano al golpe. E che tra sabato e domenica è fissato il ballottaggio delle presidenziali. Al momento sembra confermato.

 
Il testo completo si trova su:
 
http://www.radiovaticana.org/it1/articolo.asp?c=596730