Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
2 Luglio 2012

EGITTO – ( 2 Luglio )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Egitto. Primi passi istituzionali del presidente Morsy, tra potere militare e piazza



Mohamed Morsy sta gradualmente prendendo il controllo delle leve del potere, facendo prova di mantenere posizioni di equilibrio e moderazione. Prima, sabato scorso, il giuramento come nuovo presidente d’Egitto, quindi, ieri, il primo incontro ufficiale con il capo del governo, Kamal al Ganzoury. La Misna scrive che nel tira e molla con l’esercito, che continua a detenere poteri legislativi dopo lo scioglimento del parlamento, Morsy ha alla fine ceduto prestando giuramento come capo dello Stato davanti alla Suprema Corte costituzionale. Così facendo – hanno sottolineato diversi media arabi – il quinto presidente egiziano si sarebbe legato alle posizioni dell’esercito. Un fatto smorzato in precedenza da un simbolico giuramento a piazza Tahrir, di fronte a migliaia di sostenitori venuti ad acclamarlo. Potrebbe essere il segnale di una volontà di tenere una posizione moderata tra la piazza e i poteri forti del vecchio regime. Morsy ha anche promesso di lavorare per la liberazione dei civili arrestati dai militari. Tra le sue prime iniziative, la decisione di aumentare del 15% pensioni e salari dei dipendenti governativi. Con Ganzoury e l’attuale Consiglio dei ministri, Morsy ha discusso il programma dei suoi primi 100 giorni da presidente e secondo la stampa egiziana nell’incontro di ieri si è discusso anche di alcuni aspetti economici, della gestione delle acque del Nilo, di sussidi, della possibilità di creare un governo di coalizione e della questione degli egiziani in Libia. Di un nuovo governo non si è ancora parlato in maniera approfondita, sebbene circolino nomi di candidati ministri. (F.S.)
 
Il testo completo si trova su:

http://www.radiovaticana.org/it1/articolo.asp?c=601277