Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
24 Marzo 2012

EGITTO – ( 24 Marzo )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

11:33
L‘Unione europea delle organizzazioni copte per i diritti umani (Eucohr), in una nota rilanciata oggi dal sito ankawa.com, ha definito “vergognoso” il comportamento dei “membri estremisti salafiti” che siedono nel Parlamento egiziano dopo che questi “si sono rifiutati di osservare un minuto di silenzio in onore di papa Shenouda III”, morto sabato scorso all’età di 88 anni i cui funerali si sono celebrati il 20 marzo al Cairo. Un comportamento che, secondo l’Eucohr, non dimostra altro che “rifiuto del pluralismo, odio religioso verso icone religiose onorate e rispettate da tutti” e che arriva da “membri del Parlamento eletti dal popolo per agire per conto di tutti gli egiziani di tutte le confessioni e religioni”. “Nel momento in cui il presidente della Camera, l’istituto al-Azhar e il Consiglio Supremo delle Forze Armate, hanno scelto di dare un’immagine civile di un Egitto che onora e rispetta i propri simboli patriottici e religiosi, commemorando la vita di un grande personaggio nazionale come papa Shenouda III, – si legge nella nota – questi onorevoli parlamentari salafiti hanno mostrato un comportamento disgustoso, di odio verso altre religioni che minaccia di gettare la nazione nella violenza settaria e così facendo hanno abolito qualsiasi residua legittimazione del Parlamento nazionale”. (segue)

English translation


11:34
Analoga condanna è stata rivolta verso “le osservazioni vergognose” fatte da alcuni noti sceicchi islamici come Yasser Borhami, Bakkar e Wagdi Ghoneim che hanno tentato, attraverso dichiarazioni ai media, di sminuire la figura di papa Shenouda III. Il documento è firmato da Medhat Klada, Ibrahim Habib, e Magdi Youssef, rispettivamente presidente, vicepresidente e coordinatore generale dell’Eucohr. Intanto i 120 arcivescovi che compongono il sacro Sinodo della chiesa copto-ortodossa egiziana sono chiamati ad eleggere il successore di Papa Shenouda. I candidati siano essi vescovi, patriarchi o preti, devono avere 40 anni compiuti e aver preso gli ordini da almeno 15. Dal novero dei candidati dovranno uscire tre nomi che, scritti su pezzi di carta, saranno posti in un’urna. Un bambino di non più di nove anni di età, bendato, estrarrà il nome del successore.

Il testo completo si trova su:

www.agensir.it