Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
25 Gennaio 2012

EGITTO – ( 25 Gennaio )

EGITTO: ABDEL-FATTAH (FRATELLI MUSULMANI), CRISTIANI E MUSULMANI “IMPEGNO COMUNE”
Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
“Con il cammino verso la transizione democratica, il mio popolo ha dato una sorprendente prova di civiltà. Il nostro obiettivo oggi è un Egitto unito, democratico e aperto al mondo”. Il trionfo elettorale dei partiti di ispirazione islamica? “La gente alle urne ha premiato chi si è speso per il popolo, non ha votato per l’islam politico”. Parola di Abdel-Fattah Hasan, tra i fondatori del partito islamico “Libertà e giustizia”, che ha vinto le prime elezioni egiziane dell’era post-Mubarak. In un’intervista alla rivista “Mondo e missione” (in uscita a febbraio) Abdel-Fattah, che insegna Letteratura italiana alla Ain Shams University del Cairo, già parlamentare esponente della Fratellanza musulmana, spazia dalle prospettive di un governo a maggioranza islamica – “non intendiamo mettere a rischio il turismo o le libertà personali”, – alle sfide comuni che aspettano tutte le componenti della società islamica: “tutti noi egiziani, cristiani e musulmani, abbiamo difeso la nostra patria insieme nel corso della storia, il nostro sangue si è mescolato, nel passato come nella recente rivoluzione. Anche sotto la dittatura di Mubarak abbiamo lavorato insieme per il bene del Paese nel contesto dei sindacati: trovare un terreno di impegno comune non è una sfida nuova”. (segue)

17:44 – EGITTO: ABDEL-FATTAH (FRATELLI MUSULMANI), CRISTIANI E MUSULMANI “IMPEGNO COMUNE” (2)

Sul piano politico l’intellettuale, che è il traduttore in arabo delle opere di don Giussani, afferma che il partito “Libertà e giustizia”, di cui è co-fondatore, è pronto ad “allearsi con tutte le altre forze politiche, senza preclusioni, ma con la condizione che si lavori per il bene della nostra patria”. Anche con i salafiti: “li metteremo alla prova: se dovessero creare problemi, siamo pronti ad abbandonarli e a cercare una maggioranza alleandoci con altri partiti, anche laici e liberali, per il bene del Paese”. Circa il rapporto con i cristiani Abdel-Fattah è chiaro. Nel Corano è raccomandato di “trattare i non musulmani con rispetto e massima giustizia. Il nostro stesso fondatore, Hasan al Banna, amava ripetere questo concetto, e tra i suoi amici più intimi c’erano alcuni cristiani. È Dio che ci ha creati diversi: se solo avesse voluto, avrebbe fatto in modo che fossimo tutti uguali! In Egitto, e non solo, è ora di mettere al bando i pregiudizi reciproci e unire i nostri sforzi per far progredire questo mondo che Dio ci ha affidato”.

Il testo completo si trova su:

 
http://www.agensir.it/pls/sir/v3_s2doc_b.quotidiano?tema=Quotidiano&argomento=dettaglio&id_oggetto=232965