Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
30 Novembre 2012

EGITTO – ( 30 Novembre )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Proteste a piazza Tahrir: contro le misure eccezionali di Morsi e il peso

della Sharia nella Costituzione




Migliaia di persone, dopo la preghiera del venerdì, sono riunite a piazza Tahrir, al Il Cairo, per la manifestazione convocata nel pomeriggio dalle opposizioni liberali, laiche e di sinistra proprio nell’ormai famosissima piazza. Protestano contro il decreto del 22 novembre con cui il presidente egiziano ha messo le sue decisioni e quelle della Costituente al riparo della giustizia per evitare il blocco del processo costituzionale. Morsi parla di misure temporanee fino all’approvazione della Costituzione che è stata appena elaborata e che sarà sottoposta a referendum entro due settimane. Anche il rafforzamento del ruolo della Sharia nel nuovo testo costituzionale suscita forti perplessità in parte della popolazione. Fausta Speranza ne ha parlato con il prof. Claudio Lo Jacono, direttore della rivista Oriente moderno: RealAudioMP3

D. – E’ aumentato il riferimento alla Sharia, che è l’insieme delle norme del Corano e di quelle della tradizione che si riferiscono innanzitutto a Maometto, ma anche ad alcuni subito dopo di lui. Questo riferimento esisteva già nella Costituzione egiziana – già all’epoca di Mubarak – diciamo dell’Egitto più laico di quello che oggi noi possiamo giudicare, vedendo la vittoria dei fratelli musulmani e della presidenza Morsi. L’aumento ci sarà sicuramente, bisogna vedere in quali campi si renderà possibile l’applicazione della norma sharaitica, perché possiamo immaginare delle cose orripilanti – la lapidazione per l’adultero o per l’apostata… – ma, possiamo anche immaginare una serie di norme che sono molto più ragionevoli nella Sharia e che corrispondono un po’ a quelli che sono i sentimenti di giustizia universali. La Sharia ed il Corano fanno riferimento anche a delle cose molto nobili.

D. – C’è un distacco tra questa politica che procede con il decreto presidenziale e questo testo costituzionale e il sentire della gente…

R. – Certo. Per esempio, se questo va ad invalidare una serie di conquiste, che l’Egitto ha realizzato in passato, già all’epoca di Sadat, come ad esempio, per la condizione della donna c’era una legislazione estremamente avanzata rispetto a quasi tutto il resto del mondo islamico. Se si mettono, quindi, in discussione certi valori, che noi oggi definiamo di civiltà, questo non può che provocare una reazione forte di tutta la parte dell’Egitto che pur essendo musulmana non si riconosce nei valori più estremi dell’Islam politico, come quello rappresentato dai Fratelli musulmani.

D. – Parliamo di donne, ma anche di minoranze…

R. – Tutto ciò riguarda anche le minoranze. Se si parla di copti, minoranze per modo di dire, perché non sono mai stati fatti dei censimenti, perché c’è sempre stata paura a rivelare quali potessero essere le forze del cristianesimo copto in Egitto. Si parla, senz’altro, di più di 10 milioni e non hanno mai rappresentato una minoranza né nel dibattito né nel gioco politico egiziano. Bisogna ricordare che l’Egitto, dall’epoca di Mehmet ’Ali, che era un musulmano, ha sempre avuto grandi personaggi cristiani nell’amministrazione dello Stato: Visir e poi i primi ministri. La stessa rivoluzione del ’19, una delle più nobili rivoluzioni dell’Egitto, ha visto insieme musulmani e cristiani. In qualche modo li ha visti anche durante la cosiddetta “Primavera”: c’erano segni di lavoro comune da fare.

D. – Vogliamo ricordare, comunque al di là di tutto, l’importanza di questo voto della costituzione visto che c’è una sorta di vuoto, di limbo in questo momento politico in Egitto, dal punto di vista proprio costituzionale…

R. – Una Camera che è stata sciolta, un’altra che ancora va un po’ avanti; dovrà, in qualche modo, essere colmato questo vacuum. In questo momento, l’assemblea costituente sta svolgendo un compito per il quale si erano impegnati tutti quelli che manifestavano contro Mubarak. Si tratta di una nuova Costituzione, in un Paese che sta in una fase di lunga transizione, che probabilmente non finirà prima del riassetto completo di quelli che sono gli organi costituzionali, con una nuova Costituzione, sicuramente un po’ formalmente più islamica. Bisogna vedere questo “un po’ più” se va a toccare, appunto, valori imprescindibili della civiltà universale, non soltanto di una parte del mondo; valori relativi per esempio all’uguaglianza anche tra i sessi, dal punto di vista giuridico-politico. L’Egitto, in questo momento, è in una fase non stabile, di grande trasformazione: può andare verso il meglio o può andare verso il peggio, ma questo ce lo dirà soltanto il tempo.

L’obiettivo del provvedimento, si sostiene in Egitto, è di rendere la Sharia il fondamento delle leggi nel Paese. E’ quanto sottolinea al microfono di Amedeo Lomonaco il gesuita egiziano, padre Samir Khalil Samir:RealAudioMP3
R. – Questo è il progetto, da sempre, dei Fratelli Musulmani, dei Salafiti e di tutta la tendenza islamista, che è assai forte in Egitto e che, d’altra parte, è sostenuta finanziariamente, anche militarmente in alcuni casi, da Paesi arabi ricchi, in particolare l’Arabia Saudita e il Qatar. Questo progetto è inaccettabile non solo per i non musulmani, cioè i cristiani e qualche altra minoranza, ma ancor più per una gran parte dei musulmani che vogliono distinguere tra la fede, che dice che una cosa è un male e non deve essere fatta, e la società politica che dice che una cosa sarà punita.

D. – In quale contesto storico è nata la Sharia?

R. – La Sharia è stata stabilita in varie forme, almeno in quattro scuole sunnite ed una scuola sciita, nel IX-X secolo, basandosi su alcuni versetti del Corano, ma non sempre. Faccio l’esempio più chiaro e più grave. L’apostata – dice la Sharia – deve essere ucciso: chi essendo musulmano, abbandona l’islam per un’altra religione o per l’ateismo e si dichiara tale deve essere ucciso. Ora, io sfido chiunque a trovare nel Corano un solo versetto che dica questo. Questo non c’è. E’ per questo che anche i musulmani giustamente, spesso, rifiutano la Sharia perché non corrisponde alla cultura attuale dei musulmani, ma corrisponde alla cultura del Medioevo in cui la Sharia è stata elaborata e non alla rivelazione dell’islam.

D. – Come leggere, nell’Egitto di oggi, la decisione di riconoscere i principi della Sharia?

R. – Ciò che è stato fatto oggi è un trucco. Stanno approfittando del fatto che il Parlamento provvisorio è a maggioranza islamista per votare. E per questo il presidente Morsi si è dato un potere inammissibile, cioè ha tutti i poteri. Nemmeno la magistratura, adesso, lo può condannare. Dunque tutta questa situazione è inaccettabile, illegale in sé.

D. – Questo Articolo della Costituzione fa riferimento ai principi della Sharia. Da un punto di vista giuridico sembra un primo passo. Dove si vuole arrivare?

R. – Si vuole arrivare all’applicazione di tutti i particolari della Sharia, non solo i principi. I principi, si potrebbe dire, sono orientamenti generici. Loro vogliono dire concretamente: si taglia la mano a chi fa questo, si punisce di morte chi fa questo, eccetera. Entrare in tutti i particolari è il secondo passo. Ma una volta votato il primo, il secondo rischia di arrivare. Il punto qual è? La Sharia, come tale, è in contrasto con il pensiero attuale dei musulmani di un Paese come l’Egitto. Il popolo – si è visto pochi giorni fa quando c’è stata una fortissima manifestazione di migliaia di giovani – dice: hanno tradito la rivoluzione del gennaio 2011.

D. – Molti egiziani, cristiani e musulmani, sono uniti nel difendere i diritti umani…

R. – Per questo i cristiani lottano. Non solo perché sono cristiani e perché questa è un’ingiustizia per loro. Ma perché è un’ingiustizia contro l’umanità, contro le donne in particolare, contro tutte le minoranze, contro gli atei, contro gli omosessuali, che dovrebbero andare in prigione. E’ una decisione dei fondamentalisti islamici che vogliono imporre ai musulmani e ai cristiani e agli altri una concezione della religione che non è quella di tutti i musulmani. Vogliono imporre un islam medievale. E’ un grande pericolo per la società egiziana e può diventarlo per altre società musulmane.

 
Il testo completo si trova su:

http://it.radiovaticana.va/news/2012/11/30/proteste_a_piazza_tahrir:_contro_le_misure_eccezionali_di_morsi_e_il_p/it1-643415