Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
4 Marzo 2013

EGITTO – ( 4 Marzo )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

5 morti ieri a Port Said in Egitto, mentre si discute di Costituzione e decisioni dell’Alta Corte



E’ salito a cinque morti, tra i quali due agenti, il bilancio dei violenti scontri di ieri a Port Said, nel nord-est dell’Egitto. Oltre 400 i feriti. Sempre ieri, al Cairo, il segretario di Stato americano Kerry ha chiuso la sua visita ufficiale. Kerry ha promesso aiuti per uscire dalla profonda crisi economica che attanaglia il Paese e ha raccomandato al presidente Morsi e all’opposizione disponibilità ai compromessi. Intanto si discute della decisione dell’Alta Corte costituzionale che ha rigettato i ricorsi sulla legalità della commissione che ha redatto la Costituzione. La Commissione dominata dagli integralisti islamici è accusata dalle opposizioni di aver redatto un testo che non rappresenta tutti gli egiziani, che apre all’islamizzazione della legislazione. Fausta Speranza ne ha parlato con Francesca Maria Corrao, docente di lingua e cultura araba all’Università Luiss:RealAudioMP3

R. – Il problema è che la risposta interna dell’Egitto – come giustamente ha sottolineato Kerry – deve essere sostenuta anche dall’esterno. Bisogna ricordare che la Costituente era stata messa in discussione in quanto composta soprattutto da islamisti e non rappresentativa delle diverse forze politiche presenti nel Paese, della pluralità intellettuale presente nel Paese, che aveva lottato per avere una democrazia e non una nuova dittatura. Il problema è stato che il ricorso presentato, non contro la Costituzione ma contro l’Assemblea Costituente, è stato vagliato dai giudici quando in realtà i lavori dell’Assemblea erano già stati terminati, perché gli islamisti hanno fatto delle manifestazioni che hanno impedito ai giudici l’accesso ai palazzi per poter svolgere il loro lavoro.

D. – Qual è il valore di questa bocciatura da parte dell’Alta Corte dei ricorsi proprio sulla Costituzione?

R. – Il valore è nullo, perché in realtà i lavori della Commissione erano già stati conclusi. L’aver impedito alla Corte Costituzionale di operare ha fatto sì che questa decisione fosse operativa in una fase ormai superata. È gravissimo. Obama fa pressione su Morsi, proprio per aprirsi all’opposizione, mentre noi europei sembra che accettiamo qualsiasi cosa senza proteggere quelli che hanno sostenuto una rivoluzione democratica, pacifica. E in questa fase ci sono, invece, gravissimi attentati contro la vita degli attivisti, pacifisti.

D. – Dunque, è davvero difficile che si possa arrivare in questo momento a compromessi, senza uno sforzo particolare da parte di Morsi, che è quello poi che ha chiesto Kerry…

R. – Assolutamente sì. Anche noi dobbiamo fare pressione, non possiamo aver lodato per un anno intero lo spirito democratico non solo degli egiziani, ma anche dei tunisini, e poi nel momento del vero bisogno ci tiriamo in dietro e non ci indigniamo di fronte al fatto che hanno approvato una Costituzione con una votazione soltanto del 30% degli aventi diritto. È consuetudine che almeno il 75% dei votanti si esprima su una Costituzione; non è una legge ma è una Costituzione, estremamente importante. Non solo: hanno votato una Costituzione senza avere il tempo fisico di informare gli elettori di quelli che erano gli articoli, i diritti e i doveri dei cittadini. Questo è molto grave.

D. – Parliamo dell’aspetto economico…

R. – Sicuramente c’è bisogno di un aiuto economico. Se si valuta la situazione economica degli egiziani, ma anche di tutti quei Paesi che hanno appena finito la transizione rivoluzionaria e che dovrebbero procedere verso uno sviluppo costituzionale nel rispetto delle istituzioni e della democrazia, si capisce che si trovano assolutamente senza soldi. E senza aiuto dall’Europa; i nostri visti sono negati, il turismo è impraticabile perché ci sono dei gruppi di estremisti che fanno attentati, ovviamente, contro i luoghi turistici, per mettere i governi nelle condizioni più difficili di governare. C’è una crisi economica gravissima.

Testo proveniente dalla pagina

 
http://it.radiovaticana.va/news/2013/03/04/5_morti_ieri_a_port_said_in_egitto,_mentre_si_discute_di_costituzion/it1-670167
 

del sito Radio Vaticana