Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
10 Febbraio 2014

GERMANIA/TURCHIA/ARMENI – (10 Febbraio )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Armeni: Merkel > Erdogan

Il cancelliere Tedesco Angela Merkel ha rimproverato il primo ministro turco, Recep Tayyip Erdogan, per la posizione di continuo e attivo negazionismo del genocidio contro gli Armeni, il primo genocidio del secolo, compiuto dal 24 aprile del 1915 per vari anni successivi, in cui sono morte circa un milione e mezzo di persone.
marco tosatti

Il cancelliere Tedesco Angela Merkel ha rimproverato il primo ministro turco, Recep Tayyip Erdogan, per la posizione di continuo e attivo negazionismo del genocidio contro gli Armeni, il primo genocidio del secolo, compiuto dal 24 aprile del 1915 per vari anni successivi. Erdogan era in visita in Germania, e si è permesso di dire alla Merkel che il suo partito, la CDU dovrebbe essere più prudente nell’affrontare il tema del centenario del genocidio che gli Armeni definiscono, il “Metz Yeghérn” , il grande male. “Sappiamo che nell’anno che viene ci sono dei fondi previsti nel budget del Suo Paese per il centesimo anniversario del 1915. “Vi suggerisco di affrontare questo tema con più prudenza e mettiate in guardia il vostro partito per quanto riguarda stanziamenti”. 

La Merkel avrebbe risposto che la Germania è un Paese democratico e che il suo governo non può interferire nelle decisioni. “La Turchia deve venire a patti con la sua storia. Non possiamo paragonare gli Armeni che vivono in Armenia con quelli che sono stati dispersi con la forza in tutto il mondo”, ha ribattuto Merkkel, aggiungendo che l’Armenia sta vivendo circostanze difficili, ed esortando Erdogan a riaprire il confine Turchia-Armenia. 

Erdogan ha ripetuto la posizione ufficiale del suo governo, e che cioè non c’è stato nessun genocidio armeno. Una posizione che ormai anche molti storici turchi trovano insostenibile, alla luce della mole di documenti disponibili. In precedenza un parlamentare della CDU, Erika Stenbach, aveva pubblicamente esortato Erdogan: “Gli chiedo di smetterla di negare il genocidio compiuto contro Armeni e Assiri dal governo ottomano dei Giovani Turchi 99 anni fa”, e aveva aggiunto che era tempo per la Turchia di chiedere scusa ai discendenti delle vittime del primo genocidio del XX secolo. Con ironia tragica, proprio mentre si avvicina il centenario, gli Armeni e gli altri cristiani, insieme a minoranze musulmane, sono le principali vittime delle milizie internazionali islamiche aiutate da Stati Uniti e Turchia in Siria. Il Paese i cui deserti sono stati il punto finale per centinaia di miglia di Armeni.

 

Il testo completo si trova su:

http://www.lastampa.it/2014/02/10/blogs/san-pietro-e-dintorni/armeni-merkel-erdogan-ScdYAdxEHG48PdaJ6KycVN/pagina.html