Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
15 Novembre 2016

GERUSALEMME – (15 Novembre 2016)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Gerusalemme. Il muezzin «disturba», Israele abbassa il volume


Federica Zoja martedì 15 novembre 2016
 
Il governo israeliano vuole vietare gli altoparlanti sui minareti delle moschee. Netanyahu: abbiamo l’obbligo di proteggere i cittadini ebrei dal rumore. I palestinesi: uno sviluppo pericoloso
 
Altoparlanti diffondono la preghiera islamica da un minareto

Altoparlanti diffondono la preghiera islamica da un minareto

La Commissione ministeriale per la Legislazione israeliana ha approvato nel fine settimana una proposta di legge che prevede di vietare l’utilizzo esterno degli altoparlanti delle moschee in modo da proteggere la quiete pubblica limitando l’inquinamento acustico.

 

L’input alla nuova normativa, presentata da membri del partito nazionalista Yisrael Beiteinu, giunge da cittadini ebrei israeliani residenti a Gerusalemme Est, al confine con la zona araba della città. E quindi “chiamati in causa”, loro malgrado, da muezzin locali per le consuete cinque preghiere della giornata musulmana. Tutte rivolte ai fedeli mediante altoparlanti posizionati all’esterno dei minareti.

 

Per il premier Benjamin Netanyahu, lo Stato d’Israele «è impegnato a garantire la libertà di culto per tutte le religioni, ma ha anche l’obbligo di proteggere i cittadini dai rumori», in particolare da quelli che si verificano nelle ore notturne. Dura la reazione del presidente dell’Autorità nazionale palesti- nese (Anp) Abu Mazen, che ha subito attaccato l’iniziativa, a suo giudizio di particolare gravità perché «rischia di far sprofondare la regione in un baratro». Il suo portavoce, Nabil Abu Rudeina, ha minacciato il ricorso al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Dalla Striscia di Gaza, nel frattempo, Hamas ha tuonato contro la disposizione, mentre i parlamentari arabi della Knesset, il Parlamento, hanno replicato che già oggi esiste il divieto sui rumori eccessivi in zone pubbliche e che, di conseguenza, non c’è alcuna necessità di una legge solo per le moschee, se non per finalità discriminatorie. Il provvedimento in discussione, che dovrà essere approvato tre volte alla Knesset, ammette, a discrezione delle autorità, deroghe e adattamenti locali. Un altro progetto di legge, approvato dalla medesima commissione, prevede la confisca di terreni palestinesi per l’edificazione di nuovi insediamenti.

 

Le due proposte giungono a pochi giorni da un altro grave episodio riguardante Israele e Anp, anch’esso compromissorio di un eventuale rilancio dei negoziati di pace fra le parti: lo scorso 18 ottobre l’Unesco (l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura) ha approvato una risoluzione proposta da un folto numero di Paesi arabi in nome della protezione del patrimonio culturale palestinese a Gerusalemme Est. Un testo molto controverso, nel quale si fa riferimento ai siti di valenza religiosa presenti nell’area solo con i loro nomi arabi e quindi implicitamente negandone il legame millenario con l’ebraismo.

Il testo originale e completo si trova su:

https://www.avvenire.it/mondo/pagine/il-muezzin-disturba-israele-abbassa-il-volume