Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
24 Febbraio 2012

GIORDANIA – ( 24 Febbraio )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

11:29
“Destinato a tutti, cristiani e musulmani, ricchi e poveri, sani e malati, giovani e vecchi. Sia che si tratti della Giordania e dei suoi abitanti, o della Palestina e della sua gente, le preoccupazioni e le aspirazioni di tutti sono una responsabilità per noi davanti a Dio e davanti alla storia”. Con queste parole il patriarca latino di Gerusalemme, Fouad Twal, ha salutato mons. Maroun Lahham che questa mattina, ad Amman, ha fatto il suo ingresso come vescovo titolare di Madaba e Vicario patriarcale per la Giordania, succedendo a mons. Selim Sayegh. Nella chiesa del Sacro Cuore di Gesù di Tilaa-el-Ali, alla presenza di numerose autorità religiose e civili e dei rappresentanti del Governo, il patriarca Twal ha ricordato l’impegno del suo nuovo vicario a Tunisi, diocesi dove per sette anni ha svolto il ministero episcopale. (segue)

11:30
“Seguiamo con preoccupazione ciò che sta succedendo in alcuni dei nostri Paesi arabi – ha detto Twal – Il movimento popolare è partito dalla sua vecchia diocesi, Tunisi. Dai suoi commenti su questi moti abbiamo percepito l’amore per la sua diocesi e apprezzato la valutazione equilibrata della situazione con conclusioni appropriate lontane da pregiudizi ed esagerazioni. Qui in Giordania – ha concluso – proviamo dolore e tristezza per le vittime e i feriti nei Paesi vicini. Speriamo, preghiamo e lavoriamo per la stabilità e il dialogo”. Mons. Lahham arriva in Giordania dove vivono 200 mila cristiani, di cui 50 mila cattolici. Nel Paese hascemita ci sono anche 30 mila rifugiati iracheni. La nomina di mons. Lahham a vescovo ausiliare e vicario patriarcale per la Giordania, da parte di Benedetto XVI, risale al 19 gennaio scorso.

Il testo completo si trova su:

www.agensir.it