Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
11 Marzo 2013

IRAN – ( 11 Marzo )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
IRAN

Teheran strige ancora il controllo su internet

Bloccate le reti private di comunicazione (VPN) che consentono l’accesso in rete aggirando i filtri statali. La decisione viene collegata con l’avvicinarsi delle elezioni presidenziali di giugno e il ricordo del ruolo svolto da strumenti come Facebook nelle manifestazione del 2009 dell'”Onda verde”.

Teheran (AsiaNews/Agenzie) – E’ vista come una mossa “preventiva” in vista delle elezioni presidenziali di giugno la decisione delle autorità iraniane di bloccare i VPN, “virtual private networks”, le reti private di  comunicazione che consentono l’accesso a internet aggirando i filtri governativi.

La Costituzione iraniana all’art.34 in effetti dà mano libera allo Stato nel limitare la libertà di espressione, in quanto afferma che “Pubblicazioni e stampa hanno libertà di espressione, purché non violino i principi fondamentali dell’Islam o i diritti pubblici”. Ma né “i principi generali dell’Islam”, né “i diritti pubblici” sono costituzionalmente definiti, il che consente alle autorità di interpretarli secondo i propri desideri. E un diffuso sistema di filtri impedisce l’accesso a siti definiti “offensivi o criminali”.

Nel confermare ieri il blocco dei VPN , il capo della Comitato parlamentare per l’informazione e la comunicazione tecnologica, Ramezanali Sobhani-Fard, ha dichiarato che  “d’ora in poi potranno essere utilizzati solo VPN legali e registrati”.

La mossa delle autorità viene messa in relazione con le elezioni presidenziali di giugno, visto quanto accaduto nel 2009, in occasione del precedente voto che vide la proclamato presidente Mahmoud Ahmadinejad. Un risultato largamente contestato – anche con l’accusa di brogli – e che vide le dimostrazioni di massa dell'”Onda verde” (nella foto). Strumenti come Facebook vennero usati dai manifestanti per passarsi informazioni convocarsi in piazza.

La durissima repressione sembra aver praticamente spento l’Onda verde, ma evidentemente le autorità pensano che il fuoco continui a bruciare sotto la cenere e cercano di prevenirne la diffusione. 

 

Il testo completo si trova su:

http://www.asianews.it/notizie-it/Teheran-strige-ancora-il-controllo-su-internet-27353.html