Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
11 Luglio 2014

IRAQ – ( 11 Luglio )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Iraq. Il leader sciita al-Sistani: “Combattenti rispettino i diritti di tutti”

Reclutamento volontari sciiti

11/07/2014

Nuovo preoccupante allarme dall’Iraq. Le autorità di Baghdad hanno informato l’Onu che jihadisti sunniti hanno sequestrato del materiale nucleare dall’università di Mosul. Si combatte intanto ad ovest della capitale irachena tra ribelli e forze governative: 11 le vittime segnalate. La massima autorità sciita al-Sistani chiede rispetto dei civili a prescindere dall’appartenenza confessionale, mentre sul fronte politico è stallo per la formazione del nuovo governo, con il ritiro dei curdi dalle trattative. E nel nord del Paese controllato dall’Isil, la stampa araba segnala bombardamenti dell’aviazione iraniana. Sui timori di un ampliamento regionale del conflitto Marco Guerra ha intervistato Vittorio Emanuele Parsi ordinario di Relazioni Internazionali all’Università Cattolica di Milano:

R. – La regionalizzazione del conflitto è nelle cose, nel senso che la minaccia che si pone è una minaccia che è rivolta alla regione e ben oltre la regione. Quindi in qualche modo è imminente e inevitabile anche una risposta regionale.

D. – E’ troppo semplicistico parlare di una guerra tra sunniti e sciiti, quella che tuttavia si vede sul campo…

R. – Direi di sì perché quello che vediamo sul campo in realtà è il prodotto dell’azione di attori politici ben definiti. Uno di questi è l’Arabia Saudita che sulla politicizzazione e sulla militarizzazione di questa differenza religiosa presente nel mondo musulmano, ha investito e continua a investire da decenni, ormai.

D. – Dopo un’impetuosa avanzata dell’Isil, adesso la situazione sembra di stallo sul terreno. In molte città si combatte ma non si avanza e non si arretra. Che via di uscita prevede per questa crisi sul piano militare?

R. – L’unica via di uscita è la sconfitta dell’Isil, che richiederà tempo ma è l’unica possibilità. Ipotizzare di lasciare questa mina vagante, questa metastasi all’interno del mondo arabo e musulmano, che possa muoversi attraverso i confini, è francamente velleitario e pericolosissimo: è perfino più pericoloso di un conflitto duro e protratto nel tempo.

R. – I curdi hanno annunciato l’uscita dalle trattative per la formazione di un governo. Si profila sempre di più un Iraq diviso in tre Stati?

R. – Direi che quantomeno si profila uno Stato curdo di fatto. Credo che questo sia sostanzialmente inevitabile e tutto sommato è uno dei pochissimi lasciti positivi di questa lunghissima crisi che è iniziata sostanzialmente con la guerra del ’90-’91.

D. – Gli Stati Uniti e anche le potenze regionali come l’Iran non riescono con le loro pressioni a smuovere Al Maliki, che al momento sembra bloccato su questa formazione del nuovo governo?

R. – E’ estremamente difficile perché se dovessi dire con una battuta quello a cui stiamo assistendo, di fronte alle difficoltà degli sciiti iracheni al governo di affrontare questa minaccia, viene quasi da dire che si capisce come mai la maggioranza sciita sia stata così tanti anni governata dalla minoranza sunnita. C’è un’evidente incapacità organizzativa. Dopodiché, gli Stati Uniti, l’Iran e anche Israele, hanno su questo fronte un’oggettiva comunanza di interessi però purtroppo la vicenda atomica da un lato e il riaprirsi della crisi arabo-israeliana dall’altro, rendono questa competizione di interessi estremamente difficile poi da tradurre in politiche concrete.

Il testo completo si trova su:

http://it.radiovaticana.va/news/2014/07/11/iraq_il_leader_sciita_al-sistani,_rispetto_per_i_civili/1102771