Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
16 Giugno 2014

IRAQ – ( 16 Giugno )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Orrore in Iraq: miliziani dell’Isis rivendicano uccisione 1700 soldati

 

In Iraq: i ribelli del movimento fondamentalista islamico Isis, legato ad al Qaeda, rivendicano l’uccisione di migliaia di soldati governatitvi. Ma l’Esercito ferma l’avanzata dei miliziani sunniti verso Baghdad. Il servizio di Roberta Gisotti

Orrore in Iraq, dove i ribelli sunniti dello Stato islamico dell’Iraq e del Levante (isis) hanno rivendicato su Twitter l’uccisione di 1.700 soldati, avvalorata da foto raccapriccianti pubblicate sul social network. Se fosse vero sarebbe la peggiore atrocità di massa commessa nel Paese. Ma le forze lealiste sembrano aver fermato l’avanzata dei miliziani jidahisti verso Baghdad e consolidato la controffensiva verso il Nord, aiutati da migliaia di volontari, soprattutto sciiti, e nuovi rinforzi stanno affluendo a Samarra, 110 chilometri a nord della capitale, dove si sta combattendo, cosi come a Tal Afar. Ricordiamo che i ribelli sunniti in soli tre giorni hanno conquistato la provincia di Ninive con il capolugo Mosul e parte delle province di Salahuddin, Kirkuk e Diyala. Il mondo per ora resta a guardare. L’Iran, contrariamente a quanto prima dichiarato, si è detto ostile a qualsiasi intervento straniero in Iraq. Anche la Lega araba si mostra prudente e contraria ad immischiarsi in questioni interne irachene. Gli Stati Uniti, dopo aver dispiegato una loro portaerei nel Golfo, si sono limitati ad inviare rinforzi per la sicurezza della loro ambasciata a Baghdad.

Il testo completo si trova su:

http://it.radiovaticana.va/news/2014/06/16/iraq_miliziani_dellisis_rivendicano_uccisione_1700_soldati/1101808