Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
18 Ottobre 2016

IRAQ – (18 Ottobre 2016)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Iraq

Mosul, la metropoli sunnita anti Baghdad
 
 
 
 
Una moschea distrutta dal Daesh a Mosul, fermo immagine da un video della Bbc, giugno 2015

 

Mosul si trova 300 chilometri a nord di Baghdad. Con un milione e mezzo di abitanti è la seconda città dell’Iraq. Dal giugno 2014 è sotto il controllo delle milizie del Daesh. È stato a Mosul che Abu Bakr al Baghdadi, nel giugno 2014, si è autoproclamato Califfo del sedicente Stato islamico, il territorio tra Iraq e Siria settentrionali controllato dai jihadisti del Daesh.

Snodo strategico, tra deserto e Siria. La città è cruciale dal punto di vista strategico, in quanto ultimo grande centro ancora sotto il controllo jihadista in Iraq e vicina alla Siria e al deserto occidentale iracheno. Le sue dimensioni ne rendono più difficile la liberazione rispetto ad altre città come Falluja o Ramadi che erano quattro o cinque volte più piccole.

Città sunnita, ostile a Baghdad. Mosul è a stragrande maggioranza sunnita, proprio come i miliziani del Daesh, mentre il governo e l’esercito iracheno sono prevalentemente sciiti. La città accoglie anche 7.000 ex ufficiali delle forze armate (sunnite) dell’ex dittatore iracheno Saddam Hussein e altri 100.000 ex militari, molti dei quali furono cacciati durante l’epurazione dei membri del partito Baath (il nome del partito di Saddam) messa in atto dopo l’invasione americana nel 2003. Anche per questa storica frizione con il governo di Baghdad la città di Mosul è caduta nelle mani del Daesh.

© riproduzione riservata

Il testo originale e completo si trova su:

http://www.avvenire.it/Mondo/Pagine/iraq-mosul-citta-sunnita.aspx