Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
6 Giugno 2016

IRAQ – ( 6 Giugno 2016 )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Iraq: imminente la riconquista di Falluja. L’Is spara sui civili

Civili in fuga da Falluja - REUTERS

Civili in fuga da Falluja – REUTERS

In Iraq sta assumendo i toni della tragedia umanitaria la riconquista di Falluja, da due anni roccaforte del Califfato. L’esercito di Baghdad, già entrato nella periferia sud della città, starebbe per avere la meglio sui miliziani del sedicente Stato Islamico che, per far fronte all’avanzata, utilizzano i civili come scudi umani, impedendo loro di lasciare la città. Il servizio di Giancarlo La Vella:

Raffiche di mitra su uomini, donne e bambini inermi in fuga dalla città assediata. I cecchini dell’Is controllano il passaggio obbligato sul fiume Eufrate. L’obiettivo è quello di impedire a oltre 50 mila persone di lasciare Falluja e di utilizzarle come scudi umani di fronte all’avanzata dei militari di Baghdad. La
denuncia è di una ong norvegese che gestisce il campo profughi appena fuori della città, dove nelle ultime due settimane, da quando è iniziata l’offensiva su Falluja, sono arrivate almeno 18 mila persone. Drammatiche le testimonianze raccolte dai volontari di gente che ha camminato per giorni a piedi, pur di lasciarsi alle spalle la tragedia di Falluja. Rassicurazioni giungono dall’esercito sciita iracheno. “Non entreremo a Falluja sinché tutti i civili non saranno stati evacuati”. Forte il timore che, come già in altri casi, ci possano essere violenze nei confronti dei cittadini sunniti.

Il testo originale e completo si trova su:

http://it.radiovaticana.va/news/2016/06/06/iraq_riconquista_di_falluja_lis_spara_su_civili_in_fuga/1235024