Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
6 Luglio 2014

IRAQ – ( 6 Luglio )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Iraq
 
Jihadisti scatenati contro chiese e moschee
 
 
 
 
​La prima immagine. Abu Bakr al-Baghdadi, capo supremo dello Stato Islamico di Siria e Iraq

 

Non c’è tregua per la furia iconoclasta e il fanatismo religioso dei militanti dello Stato islamico dell’Iraq e della Siria. La loro intolleranza li porta a profanare e distruggere simboli sia della fede cristiane che musulmana.

I jihadisti di ispirazione wahabita hanno distrutto oggi quattro tombe e sei moschee nella regione di Ninive, in Iraq. L’organizzazione jihadista ha pubblicato delle foto che mostrano la demolizione dei luoghi sacri nella regione di Ninive e nella città di Mosul, conquistata il 10 giugno scorso.

I residenti locali hanno riferito che i combattenti dello Stato islamico hanno occupato anche le cattedrali caldea e ortodossa siriana della città, rimuovendo le croci e rimpiazzandole con bandiere del gruppo jihadista. “Siamo molto tristi per la demolizione dei luoghi sacri che abbiamo ereditato dai nostri padri e nonni”, ha affermato Ahmed, un 51 enne di Mosul, in dichiarazioni all’emittente satellitare “al Arabiya”.

Intanto per la prima volta il capo supremo dello Stato Islamico della Siria e dell’Iraq, Abu Bakr al-Baghdadi, si è fatto vedere in pubblico e anche riprendere. Lo ha fatto in una moschea irachena dove ha tenuto un sermone. La sua aspirazione è rifondare il grande califfato dei sunniti.

 

Il testo completo si trova su:

http://www.avvenire.it/Mondo/Pagine/i-guerriglieri-dello-stato-islamico-distruggono-tombe-chiese-e-moschee-iraq-siria.aspx