Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
2 Settembre 2014

IRAQ/ONU – ( 2 Settembre )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
IRAQ – ONU

Esercito, peshmerga e sciiti uniti contro l’Esercito islamico, “mostro terrorista”

L’Onu lancia un’inchiesta sulle atrocità commesse dagli islamisti. Nel solo mese di agosto uccise 1420 persone; 850mila sfollati: fra essi cristiani, yazidi, turcomanni. I governi europei preoccupati dei loro connazionali arruolatisi nelle milizie terroriste.

Baghdad (AsiaNews/Agenzie) – Per la prima volta dopo tanti mesi, soldati irakeni, peshmerga curdi e milizie sciite hanno lanciato una controffensiva contro i jihadisti dell’Esercito islamico (EI) in Iraq. Grazie al sostegno dei raid aerei Usa, già due giorni fa hanno rotto l’assedio alla città turcomanna sciita di Amerli (v. foto) e “in qualche ora” sono riusciti a riprendere la località di Suleiman Bek, 175 km a nord della capitale, che da giugno era caduta nelle mani dell’EI. Forze curde e sciite hanno pure accerchiato il villaggio di Yankaja, dove vi è ora un pesante scambio di fuoco d’artiglieria.

La convergenza delle forze militari è un risultato del tentativo di far convergere le forze politiche irakene, finora divisi su molti fronti fra sunniti, sciiti e curdi. A questo scopo hanno dato il loro contributo sia il patriarca caldeo di Baghdad, sia il grande ayatollah sciita Ali Al Sistani.

Anche la comunità internazionale sembra fare passi più decisi: l’aiuto che i raid aerei degli Stati Uniti stanno dando alla lotta contro l’EI è fondamentale ed ha cambiato le sorti della battaglia. Nel mondo europeo, i governi sono sempre più preoccupati dei loro connazionali arruolatisi nelle milizie islamiste, che possono diventare un pericolo terrorista al loro ritorno in patria. Per questo, alcuni Stati, fra cui Italia e Germania, hanno deciso di inviare armi ai curdi e aumentare i controlli alle loro frontiere.

Il Consiglio dell’Onu per i diritti umani ha deciso all’unanimità di inviare una missione in Iraq per un’inchiesta sulle atrocità commesse dall’EI, un “mostro terrorista” – come lo ha definito il ministro irakeno per i diritti umani, Mohammad Shia al Sudani.

Secondo l’Onu, nel mese di agosto, in piena offensiva dell’EI, sono state uccise 1420 persone; 1370 sono i feriti. In questo tempo gli islamisti si sono impadroniti di varie località e hanno ricacciato i combattenti curdi nei loro confini.

In un anno, almeno 1,6 milioni di irakeni sono sfollati a cause delle violenze; 850mila nel solo mese di agosto. Fra questi vi sono centinaia di migliaia di cristiani, migliaia di yazidi e di turcomanni cacciati dalle loro abitazioni sotto la minaccia di morte se non si convertivano all’islam radicale.

 

Il testo completo si trova su:

http://www.asianews.it/notizie-it/Esercito,-peshmerga-e-sciiti-uniti-contro-l’Esercito-islamico,-mostro-terrorista-32036.html