Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
18 Settembre 2015

ISRAELE/PALESTINA – ( 18 Settembre 2015 )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Israele blinda la Spianata delle Moschee. Hamas chiama alla “giornata della rabbia”

Uno scorcio della Spianata delle Moschee a Gerusalemme - EPA

Uno scorcio della Spianata delle Moschee a Gerusalemme – EPA

Ancora altissima la tensione a Gerusalemme. Israele ha schierato centinaia di agenti sulla Spianata delle Moschee e blindato la zona per impedire l’accesso ai musulmani di età inferiore ai 40 anni. L’organizzazione palestinese Hamas ha indetto una “giornata della rabbia”. Da giorni l’area, considerata sacra sia dai musulmani che dagli ebrei, è funestata da violenti scontri. Paola Simonetti:  

800 agenti schierati per impedire l’acceso ai musulmani di età inferiore ai 40 anni. Israele cerca di scongiurare così nuovi scontri sulla Spiana delle moschee, considerata sacra sia dai musulmani che dagli ebrei, da settimane teatro di disordini tra forze israeliane e palestinesi, che secondo Israele cercano di impedire i festeggiamenti del Capodanno ebraico.

L’organizzazione palestinese Hamas ha già chiamato ad una “giornata della rabbia”, all’indomani anche del duro botta e risposta tra il ministero degli Esteri israeliano e il presidente palestinese Abu Mazen, secondo il quale  i “piedi sporchi” dei visitatori ebrei dissacrano il Monte del tempio. Una posizione che Israele, definisce come mirata a sovvertire la convivenza pacifica fra religioni. Solo nei giorni scorsi sono state decine i feriti negli scontri davanti alla Spianata tra le forze di sicurezza israeliane e gli attivisti palestinesi, alcuni dei quali avevano trascorso la notte nella moschea di al Aqsa armati di sassi e bombe molotov.

Il testo originale e completo si trova su:

http://it.radiovaticana.va/news/2015/09/18/israele_blinda_la_spianata_hamas_insorge/1172650