Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
1 Settembre 2015

LIBANO – ( 1 Settembre 2015 )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Libano: Capi delle Chiese: proteste minano la stabilità

Proteste antigovernative a Beirut - AP

Proteste antigovernative a Beirut – AP

Le proteste popolari contro la classe politica che da settimane agitano il Libano rappresentano una legittima espressione di pressione “democratica” nei confronti di fazioni e personaggi politici screditati, responsabili in larga misura della crisi del sistema Paese. Ma allo stesso tempo “il ricorso alla piazza cela pericoli, in particolare quando le tensioni sono esasperate e le fiamme che circondano il Libano rischiano di minare la sua stabilità”. E’ un messaggio allarmato e pieno di messe in guardia quello uscito dal summit dei Capi delle Chiese e delle comunità cristiane ospitato nella giornata di ieri presso la Sede patriarcale maronita di Bkerké.

Il rischio di infiltrazioni di facinorosi nelle manifestazioni di protesta
Nel testo letto e diffuso alla fine dell’incontro, ripreso all’agenzia Fides, i patriarchi e gli altri rappresentanti cristiani hanno puntato i riflettori sul rischio delle “infiltrazioni di facinorosi tra i manifestanti pacifici”, denunciando gli atti di violenza e di vandalismo già verificatisi durante le manifestazioni organizzate nel centro di Beirut e invitando tutti ad anteporre “l’interesse nazionale agli interessi privati, per evitare che il Libano sprofondi verso l’ignoto e per preservarlo dalle tragedie che ci circondano, e che inquietano il nostro popolo”.

Parole dure sull’impotenza della classe dirigente
Riguardo alla paralisi istituzionale e politica in cui si dibatte il Paese dei Cedri, i Capi cristiani hanno avuto parole dure sull’ “impotenza della classe dirigente, incapace di garantire i servizi più elementari che sono necessari per una vita dignitosa”. Ma i leader spirituali delle Chiese e delle comunità cristiane libanesi hanno soprattutto espresso considerazioni nette ed esplicite circa la “tabella di marcia” che i politici devono seguire per uscire dalla crisi. 

L’urgenza di eleggere il nuovo Presidente
Secondo i patriarchi e gli altri capi cristiani, occorre a ogni costo iniziare con l’elezione del Capo di Stato, “in conformità alle norme costituzionali”, ponendo fine allo stallo e ai veti incrociati che hanno reso vacante la massima carica dello Stato dal maggio 2014. I leader che hanno preso parte al “summit” sottolineano con decisione che la scelta del nuovo Presidente deve precedere la convocazione di nuove elezioni politiche, opponendosi a chi sostiene che la crisi istituzionale si può superare solo sciogliendo il Parlamento e chiamando il popolo alle urne. Il governo in carica – si legge nel messaggio – deve rimanere in carica almeno fino a quando non viene eletto il Presidente. E in futuro, un nuovo governo dovrà mettere mano a riforme elettorali e istituzionali per evitare nuove paralisi e vuoti di potere.

Solo ipotesi sull’annullamento del summit islamo-cristiano
All’incontro di Bkerkè hanno preso parte, tra gli altri, il patriarca maronita Boutros Bechara Rai, il patriarca greco ortodosso di Antiochia Yohanna X, il catholicos armeno apostolico Aram I, il patriarca melchita Gregoire III, il patriarca siro cattolico Ignatius Yussef III e l’arcivescovo Gabriele Caccia, nunzio apostolico in Libano. All’incontro avrebbero dovuto prendere parte anche i rappresentanti delle comunità islamiche libanesi. Finora non sono state fornite ufficialmente le ragioni che hanno portato all’annullamento del summit islamo-cristiano. Secondo i media libanesi, la riunione sarebbe stata rinviata per la mancata partecipazione di alcuni leader musulmani. (G.V.)

Il testo originale e completo si trova su:

http://it.radiovaticana.va/news/2015/09/01/libano_capi_delle_chiese_proteste_minano_la_stabilità