Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
18 Maggio 2016

LIBIA – ( 18 Maggio 2016 )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Rapporto Human Rights Watch (Hrw)

Libia, il Daesh semina terrore a Sirte
 
 
 
 
 
 
 

L’organizzazione internazionale Human Rights Watch (Hrw) ha denunciato oggi i “crimini di guerra” perpetrati in Libia dalla filiale locale del Daesh con l’esecuzione di decine di persone nella sua roccaforte Sirte, espugnata da quasi un anno.

L’Ong che la sua sede a New York ha accusato i jihadisti di avere inflitto dal febbraio 2015 “severe punizioni” alla popolazione di Sirte privandola di cibo, medicine, carburante e denaro contante. Almeno 49 persone uccise con metodi tra cui decapitazione e fucilazione per presunti crimini, come bestemmia, stregoneria e spionaggio, denuncia Hrw in un rapporto basato su una serie di interviste.

SCENE DI ORRORE. “I residenti di Sirte hanno descritto scene di orrore: decapitazioni pubbliche, cadaveri in tute arancioni che pendono da impalcature in quello che hanno definito una crocifissione” e “combattenti con il volto coperto che strappano uomini dai loro letti nella notte”, si denuncia nel rapporto. “Dicono che la polizia religiosa, aiutata da informatori, pattuglia le strade minacciando fustigazione a uomini per il fumo, l’ascolto di musica o anche solo nel caso che le loro mogli e sorelle non indossino vestiti adeguati alla sharia”, la legge islamica.

RAPIMENTI. Le 49 esecuzioni hanno seguito “procedure in gran parte segrete negando i principi più elementari di un processo equo, il Daesh ha anche rapito decine di miliziani libici, molti dei quali si presumono morti”, afferma Hrw, citando abitanti fuggiti dalla città. Nel rapporto di 41 pagine, emerge anche che jihadisti hanno saccheggiato e distrutto le case di quelli che sono visti come nemici, così come hanno costretto alla chiusura negozi di biancheria o di indumenti occidentali.

«QUI È INVIVIBILE». Ahlam, una abitante di Sirte di 30 anni ha descritto la vita nel bastione del Daesh come “insopportabile” con la gente che “vive nel terrore” e persone innocenti uccise. “Mancano i generi alimentari, l’ospedale non ha medici o infermieri, non c’è medicina … ma ci sono spie in ogni strada. La maggior parte delle persone sono fuggite, ma noi siamo intrappolati. Non abbiamo abbastanza soldi per lasciare”, afferma Ahlam. “La natura e la portata delle esecuzioni illegali del Daesh e gli altri atti in Libia possono costituire crimini contro l’umanità”, dice Hrw.

DA UN ANNO. Approfittando del caos con milizie rivali e governi che si sono dati battaglia per il potere dopo la rivolta del 2011 che ha spodestato e ucciso il dittatore Muhammad Gheddafi, il Daesh è riuscito a prendere il controllo di Sirte quasi un’anno fa cercando subito di espandersi verso ovest. L’Europa teme che jihadisti potrebbero usare il porto e l’aeroporto cittadino come un trampolino di lancio per attaccare il continente.

© riproduzione riservata

Il testo originale e completo si trova su:

http://www.avvenire.it/Mondo/Pagine/orrore-daesh-a-sirte-libia.aspx