Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
5 Novembre 2016

LIBIA – (5 Novembre 2016)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Libia: liberati i 3 ostaggi rapiti a Ghat

Sirte, Libia - REUTERS

Sirte, Libia – REUTERS

I due tecnici italiani della società Conicos, Danilo Calonego e Bruno Cacace, e il cittadino canadese Frank Poccia, sono stati liberati questa notte nel sud della Libia. La notizia è stata confermata dalla Farnesina. Intanto in Libia, dove resta alta l’instabilità politica, continua la campagna per la liberazione di Sirte dalla presenza dell’Is, ma gli Stati Uniti hanno sospeso i raid aerei sulla città. Il servizio di Elvira Ragosta:

Gli ostaggi sono rientrati in Italia nelle prime ore di questa mattina.  Erano stati sequestrati nella città di Ghat, il 19 settembre scorso, da un gruppo armato che aveva bloccato la vettura sulla quale viaggiavano. Si tratta di Bruno Cacace, 56 anni, della provincia di Cuneo, che vive in Libia da 15 anni, e Danilo Calonego, 66 anni, della provincia di Belluno. Con loro era stato rapito anche l’italo-canadese Frank Boccia. La liberazione si sarebbe conclusa anche grazie all’efficace collaborazione delle autorità locali libiche. Il Paese, intanto, resta caratterizzato dalla profonda divisione politica e istituzionale, mentre nella città costiera di Sirte continua la campagna per eliminare completamente la presenza del sedicente stato islamico. Campagna supportata, negli ultimi 3 mesi anche da raid statunitensi che sarebbero terminato lo scorso 31 ottobre. Quando i bombardamenti aerei partirono, dopo la richiesta del governo libico sostenuto dalle Nazioni Unite, il Pentagono aveva parlato di un’operazione che sarebbe durata per settimane. Secondo lo Us Africa Command, dal primo agosto sono stati condotti 367 bombardamenti. Ora solo il presidente americano Barack Obama potrebbe autorizzare nuovi raid sulla Libia. Secondo il portavoce dell’ospedale di Misurata, sono i 661 miliziani delle forze libiche impegnate sul campo a Sirte uccisi dallo scorso maggio e circa tremila i feriti 

Il testo originale e completo si trova su:

http://it.radiovaticana.va/news/2016/11/05/libia_liberi_due_italiani_e_un_canadese_rapiti_a_settembre/1270134