Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
9 Giugno 2013

LIBIA – ( 9 Giugno )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Nuove violenze in Libia. A Bengasi 31 morti tra popolazione e milizie armate



E’ di almeno 30 morti e 55 feriti il bilancio degli scontri avvenuti sabato sera a Bengasi fra manifestanti e le milizie armate che presidiavano una caserma della città orientale libica. Nel Paese nord africano e in particolare nella Cirenaica, il governo sta cercando di far sciogliere i gruppi armati formati durante la rivolta contro il regime di Gheddafi. Ieri le dimissioni del capo di Stato maggiore delll’esercito Il servizio di Marco Guerra:RealAudioMP3

Decine di manifestanti, alcuni armati, hanno dato l’assalto alla caserma della milizia ‘Scudo della Libia’, chiedendo che sia sostituita da reparti dell’esercito regolare. Al momento non è ancora chiara la distribuzione fra i due schieramenti delle decine di vittime rimaste a terra negli scontri. La popolazione civile accusa le milizie di agire impunemente, abusando dei cittadini e facendo rispettare solo i propri ordini. Quello dei gruppi armati irregolari è un problema che si trascina dalla caduta di Gheddafi e che, già in passato, ha portato a duri scontri tra diverse fazioni. Il governo ufficialmente dichiara di volerli li disarmare ma, di fatto, si affida ancora a loro per il controllo di diverse aree del Paese. Il portavoce dello stato maggiore ha affermato infatti che ‘Scudo della Libia è “una forza di riserva dell’esercito libico” e che attaccarla equivale ad “un’aggressione contro una forza legittima”. Sulla questione è intervenuto anche il premier Ali Zeidan, il quale ha spiegato che la milizia ha lasciato la caserma e che l’esercito regolare ha preso possesso dell’edificio assicurando il controllo delle armi pesanti che vi si trovano. Il premier ha anche annunciato un’inchiesta ed ha lanciato un appello alla calma per trovare una soluzione alle armi rimaste in mano alla popolazione dopo la guerra civile. La Cirenaica resta tuttavia un polveriera: nei giorni scorsi un partito politico locale ha proclamato l’autonomia della regione da Tripoli e migliaia di persone sono scese in piazza a sostegno dell’autonomia.

Ultimo aggiornamento: 10 giugno

Testo proveniente dalla pagina

 
http://it.radiovaticana.va/news/2013/06/09/nuove_violenze_in_libia._a_bengasi_31_morti_tra_popolazione_e_milizi/it1-699884
 

del sito Radio Vaticana